Ramon Moro Quartet

Blue Horizon

2020 (AUT) | jazz, modern classical

Ramon Moro è uno dei musicisti più versatili ed eclettici della scena avant italiana contemporanea. Avant è lasciato appositamente come prefisso perché Ramon realizza con fluidità e accuratezza un album noise e uno jazz, una colonna sonora post-rock e un disco modern classical. La forza dietro ogni lavoro o collaborazione del trombettista torinese – dal trio jazz di animo progressive 3quietmen (con Federico Marchesano e Dario Bruna), alle sonorizzazioni di film con Paolo Spaccamonti – risiede in una potente visione che Moro cerca di definire musicalmente in termini sinestetici, incanalando la poesia e le arti visive – con una passione speciale per la fotografia – e integrandole nel tessuto compositivo, ma sempre e solo tramite un linguaggio musicale che significa per se stesso, senza avere bisogno di altro.

“Blue Horizon” prende vita dall’ascolto del brano “Folk Song For Rosie” del Paul Motian Trio – tratto da “Le Voyage” (ECM, 1979) – e dal desiderio del compositore di creare un quartetto jazz. All’interno di questo territorio, Moro definisce le regole a modo proprio, prima di tutto negando il virtuosismo in funzione di una speciale ricercatezza melodico-armonica raggiungibile attraverso l’incontro dei personali linguaggi dei quattro musicisti: “Tutto doveva essere sospeso, alto e fluente” (Moro). Accompagnato nel viaggio da vecchi e nuovi compagni (Marchesano al contrabbasso, Emanuele Maniscalco al pianoforte e Zeno De Rossi alla batteria), il quartetto disegna otto brani strumentali sul processo di definizione di un orizzonte intimo e condiviso, in cui la scrittura è approdo per le solitudini dei singoli strumenti.

Nonostante ogni disco di Moro abbia una precisa visione musicale e sonora, l’anima della composizione risiede nella musica classica. Non fa eccezione “Blue Horizon”, in cui leggiamo la narrazione jazz attraverso la tensione e l’afflato universalistico di compositori come Gustav Mahler, Fryderyk Chopin o Robert Schumann, svelando l’epifania di una visione che diventa finalmente visibile e assoluta. In questo album, inoltre, il trombettista ricerca l’essenza del proprio suono attraverso la sola interazione tra fiato e strumento (tromba o flicorno), al di fuori della relazione con l’ampia pedaliera di effetti e loop station con cui abitualmente e naturalmente Moro disegna le proprie sonorità.

“Blue Horizon” è un viaggio di cui non serve descrivere alcuna stazione. Bisogna affidarsi e pigiare “play”, perché tanto in un attimo ci si dimenticherà di quel tocco di piano à-la Bill Evans o di quel frammento di tromba à-la Ennio Morricone. È la trama che ci appassiona, la descrizione degli ambienti, la cura dei dettagli. Basta un brano solo, “Albedo”, per capire la leggerezza, la melanconia e gli eleganti, sottili mutamenti emozionali che racchiude ogni componimento. Mentre la vita scappa dalle mani, un giorno dopo l’altro, “Blue Horizon” invita a fermarsi e condividere insieme un viaggio solitario. 

(25/12/2020)

  • Tracklist
  1. White Dragon
  2. Love’s Uncertainty
  3. Untie Me
  4. Albedo
  5. Blue Horizon
  6. Too Late
  7. Nocturne for Loly
  8. Wrong Stop. It’s so cool
Ramon Moro su OndaRock
Recensioni

RAMON MORO

Offering

(2020 - Subcontinental)
Terzo lavoro solista per il poliedrico musicista torinese

Ramon Moro Quartet on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.