Wild Nothing

Laughing Gas

2020 (Captured Tracks) | indie-pop, sophisti-pop

Non definiteli scarti di “Indigo”, per quanto pochi questi sono brani che vivono di vita ed equilibri propri, distinti da quelli dell'album di due anni fa. Se ne è reso giustamente conto, il caro Jack Tatum, e ha visto bene di riservare loro il dovuto spazio, raccogliendoli in un breve Ep (per inciso lungo 20:20 minuti) a tutti gli effetti indice di nuovi, piccoli-grandi cambiamenti nella ricetta del musicista statunitense. Ben più che un semplice corollario a chiusura di un'era, i cinque pezzi di “Laughing Gas” iniettano nella sensibilità revivalista (ormai però ampiamente perfezionata e riconoscibile) del musicista nuovi aromi e sensazioni, battiti funky e morbidezze romantiche che spostano la palette timbrica di un altro passo in avanti, in pieno rispetto con le armonie jangle sempre centrali nella sua opera. Fedele a un decennio ripercorso in lungo e in largo, la ricetta di Jack Tatum continua a rivelarsi appetitosa.

“Foyer”, strategicamente posta al centro della raccolta, reclama senza grande sforzo il posto d'onore, misurandosi con stacchi di drum-machine ben più roboanti rispetto al solito, eppure del tutto giustificati, sostegno ideale alla svelta progressione in 6/8 e ai poderosi tracciati sintetici, memori della wave più chirurgica e affilata e di tanto esplosivo boogie-funk del periodo. A suo modo più chic, contornata da sofisticati contributi di sassofono che incrociano Destroyer e i Matt Bianco, “The World Is A Hungry Place” è il veicolo per un'ironia sorniona, che strappa qualche amara risata in un contesto di suadente eleganza.
Se “Sleight Of Hand” è una nuova, distaccata immersione nell'ineccepebile canzoniere di Paddy McAloon, qui rivisto da una vagamente inquieta prospettiva atmosferica (i synth nebulosi e le armonizzazioni “acquatiche” a sostegno del refrain), “Dizziness” spariglia le carte in tavola nel contesto più naturale di Tatum, arricchendo la linea chitarristica di base con frizzanti contrappunti melodici di synth e un graduale rilassamento, affinato con gentile controllo.

Oltre le limitazioni espressive di tanti progetti che hanno condiviso percorsi similari rispetto a quello di Wild Nothing, per poi scomparire nel vuoto della propria ispirazione, a dieci anni dalle prime timide apparizioni la penna di Jack Tatum continua a rintracciare nuovi metodi per ridefinirsi, pur nel rispetto di un'estetica che ormai potrebbe quasi essere definita classica. A presto risentirci, perché no, anche con un pizzico di gas esilarante a farci compagnia.

(12/02/2020)

  • Tracklist
  1. Sleight Of Hand
  2. Dizziness
  3. Foyer
  4. Blue Wings
  5. The World Is A Hungry Place


Wild Nothing su OndaRock
Recensioni

WILD NOTHING

Indigo

(2018 - Captured Tracks)
Undici nuovi gioiellini pop dalla penna di Jack Tatum

WILD NOTHING

Life Of Pause

(2016 - Captured Tracks)
Il nuovo disco di Jack Tatum con le sue elaborate e vacue scenografie vintage

WILD NOTHING

Empty Estate

(2013 - Captured Tracks)
Il nuovo Ep di Jack Tatum vira verso l'ambient e la psichedelia, oltre a marcare i riferimenti wave

WILD NOTHING

Nocturne

(2012 - Captured Tracks)
Jack Tatum registra con la band la propria difficile riconferma

WILD NOTHING

Gemini

(2010 - Captured Tracks)
Il pop nostalgico di Jack Tatum, tra pulsazioni sintetiche e riverberi sognanti

News
Wild Nothing on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.