Liz Phair

Soberish

2021 (Chrysalis) | indie-pop-rock

Più o meno sobrio. È con questa apparente leggerezza che la cantautrice americana Liz Phair torna a distanza di undici anni da "Funstyle" (Rocket Science, 2010). Phair impose la propria figura di amazzone urlante a petto nudo sull'iconica copertina del debutto "Exile In Guyville" (Capitol/Emi/Matador, 1993), album fulminante che destabilizzò, "da dentro", il mondo della musica americana anche mainstream.
La rappresentazione di lei, bellissima e sensuale, che flirta con la propria chitarra elettrica è una delle tante immagini con cui la cantautrice di Chicago si è appropriata di un immaginario al femminile diffuso dai media, in particolare legati al mondo del rock, per ribaltarlo, nella tradizione di artiste come Barbara Kruger e Cindy Sherman.

Il disco parte (fin) troppo leggero con "Spanish Door" e "The Game", dettando la linea di un morbido indie-pop-rock acustico e melodico che veste testi tutt'altro che quieti ("What's inside that heavy head?/ Are you on the junk again?"), con qualche guizzo rock ("Hey Lou" e "Soberish"):
Already told you
I'm not gonna make the same mistakes
Over and over
You can be mad if you want
I did a shot 'cause I'm terrified
L'album presenta comunque alcune tracce preziose che valgono per il tutto, come la pop-tune "In There", scandita dal battito delle mani, e le ballad "Sheridan Road" e "Lonely Street". Non sfuggono, comunque, una serie di dettagli che rendono interessanti brani apparentemente più semplici, come il chamber-pop di "Ba Ba Ba" e l'andamento grunge laneganiano di "Soul Sucker".
La nuova sfida di Liz Phair, colei che già al debutto era "esule in un mondo di ragazzi", è quella di invecchiare. L'ageing è uno dei temi attuali dell'indie-pop-rock americano, del quale si prendono cura, soprattutto sul versante femminile, anche le Sleater-Kinney. Se il rock finisce per sopravvivere con chi è rimasto, l'indie di musicisti come Liz Phair, Sleater-Kinney, Dinosaur Jr., Guided By Voices e David Bazan/Pedro The Lion cerca di invecchiare (bene). Perché una vita senza musica non sarebbe sostenibile.
You show me your places, I'll show you mine
The thrones of our youth and where life was unkind
Winding down Sheridan, the wind in our hair
We notice the new, but the old is still there
Merging, converging once we hit Lake Shore Drive.

(28/06/2021)

  • Tracklist
  1. Spanish Doors
  2. The Game
  3. Hey Lou
  4. In There
  5. Good Side
  6. Sheridan Road
  7. Ba Ba Ba
  8. Soberish
  9. Soul Sucker
  10. Lonely Street
  11. Dosage
  12. Bad Kitty
  13. Rain Scene


Liz Phair su OndaRock
Liz Phair on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.