Tirzah

Colourgrade

2021 (Domino) | dark-synth, soundscape, electro-songwriter

Dopo lo stupefacente esordio “Devotion” (Domino, 2018), torna la cantautrice elettronica Tirzah, nuovamente prodotta da Mica Levi (ricordate la colonna sonora del film “Under The Skin” di Jonathan Glazer?). “Colourgrade” vira la propria dominante dal r'n'b all’avanguardia, invitando a un ascolto attento da fare in cuffia o con un impianto. L’electro-songwriting di Tirzah suona più scarno e cupo, ancora più essenziale e ancora più intimo, umano e post-umano, da una parte più maturo dall’altra più claustrofobico, riflesso forse delle emozioni della maternità come in “Recipe”:

I won't hurt you
I am learning to
I can't teach you
I can guide you to
Or at least try to

L’aspetto più interessante del disco sono infatti le sfumature del sound design e le spazializzazioni, che rendono i brani più profondi di quanto possano sembrare a un primo ascolto. Detto ciò, le canzoni faticano a trovare una forma precisa o un motivo, nella matrice soul/trip-hop dell’autrice, che possa anche coinvolgere l’ascoltatore. Le tracce sono estremamente rarefatte e si presentano più come soundscape che come canzoni (“Colourgrade”), girando spesso su loro stesse (“Crepuscolar Rays”, “Sleeping”).

Spiccano alcuni brani come “Tectonic”, danza electro spettrale, “Hive Mind” (con Coby Sey), il brano più vicino al soul elettronico di “Devotion”, “Send Me”, col refrain più catchy dell’album (“Let me heal and now I'm sure”), “Sink In”, ballad di reminiscenze Prince-iane, e “Beating”, in cui la cantautrice inglese si schiarisce la voce registrando così a futura memoria anche le fragilità della propria espressione.
Chiude in maniera enigmatica “Hips”, paesaggio di sintetizzatori senza pulsazione: “Tease me free, yeah”.

La sensazione è che l’album ci lasci fuori dalla porta: fatica a entrare nelle vene, risultando troppo freddo e distante quantomeno dal mood al quale Tirzah ci aveva abituati.

(20/10/2021)

  • Tracklist
  1. Colourgrade
  2. Tectonic
  3. Hive Mind
  4. Recipe
  5. Beating
  6. Sleeping
  7. Crepuscular Rays
  8. Send Me
  9. Sink In
  10. Hips
Tirzah su OndaRock
Recensioni

TIRZAH

Devotion

(2018 - Domino)
Gli introspettivi bozzetti dell'anima di una singolare voce dell'underground londinese

Tirzah on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.