DIIV

Live At The Murmrr Theatre

2022 (Captured Tracks) | unplugged nu-gaze

Il 2022 dei DIIV è stato dedicato all'attività live, sacrosanta dopo i mesi di stop obbligato causa pandemia, e alla diffusione di interessante materiale d’archivio. Dopo aver celebrato il decennale dell’esordio, attraverso un box-set a tiratura limitata, "Sometime/Human/Geist", contenente i primi tre singoli editi dalla band newyorkese a inizio carriera, ecco ora la registrazione di uno show acustico tenuto il 17 agosto del 2017 al Murmrr Theatre di Brooklyn, un piccolo teatro della loro città natale. L’esibizione venne anche filmata per un documentario diffuso all’inizio del 2018.

Quel concerto segnava il ritorno sulle scene dopo circa un anno, assenza resasi necessaria per risolvere i problemi di dipendenza che hanno afflito il cantante e chitarrista Zachary Cole Smith. Nell’agosto del 2017 - afferma lui stesso - Smith era sobrio da cinque mesi, e alcuni amici aiutarono il gruppo a organizzare questo piccolo spettacolo, al quale furono invitati familiari e conoscenti. Una sorta di reset, dal quale ripartire per slanciarsi verso il capitolo successivo della loro carriera, “Deceiver”, ricordato per aver rappresentato il momento della rinascita, e ritenuto da molti come il loro lavoro più solido e riuscito.

La scaletta unplugged riunisce alcuni estratti dai primi due album del gruppo, sei da “Oshin” (con la medesima sequenza iniziale) e tre da “Is The Is Are”, più due cover estremamente significative: “Hollow” di Alex G e soprattutto “When You Sleep”, sontuoso evergreen dei My Bloody Valentine che chiude il cerchio omaggiando una delle band che più hanno influenzato il percorso dei DIIV.
Set intenso e caldo che parte con la strumentale “Druun” e si chiude con la lunga coda di “Wait”. Tutti i brani, riarrangiati per l’occasione, mostrano grande qualità della scrittura, qualità ancor più evidente nella veste "naked", spogliata di ogni sovrastruttura.

(29/11/2022)

  • Tracklist
  1. Druun
  2. Past Lives
  3. Human
  4. When You Sleep         
  5. Dopamine
  6. Hollow
  7. Loose Ends
  8. How Long Have You Known
  9. Under The Sun
  10. Earthboy
  11. Wait


DIIV su OndaRock
Recensioni

DIIV

Sometime/Human/Geist

(2022 - Captured Tracks)
Box-set con i primi tre singoli editi dalla band, diffuso per celebrare il decennale di "Oshin"

DIIV

Deceiver

(2019 - Captured Tracks)
Il dramma della dipendenza da sostanze stupefacenti aleggia sul fragoroso, terzo disco della band di ..

DIIV

Is The Is Are

(2016 - Captured Tracks)
Secondo, attesissimo album per Zachary Cole Smith aka DIIV: più che una conferma per l'ex-Beach ..

DIIV

Oshin

(2012 - Captured Tracks)
L'esordio dei DIIV in un trip allucinogeno di jangle

News
DIIV sul web