Josephine Foster

Godmother

2022 (Fire) | folk, psych, ambient synth

Lei è senza alcun dubbio una delle cantautrici più ispirate e originali degli ultimi anni. Con la chitarra, il pianoforte, l'arpa e l'organo e il suo singolare virtuosismo vocale, Josephine Foster ha più volte accarezzato la sensibilità degli ascoltatori unendo musica, letteratura e poesia. Il suo linguaggio, che si destreggia abilmente tra prewar folk, cantautorato, rock classico, psichedelia e armonie jazz, ogni tanto ha rischiato di diventare stucchevole o troppo purista per le sue austere elucubrazioni filosofiche; ma la perfezione degli arrangiamenti e la sua voce fuori dal tempo ci hanno consegnato negli anni un catalogo dalla qualità media impressionante.

Dopo il monumentale "Faithful Fairy Harmony" e un disco giunto quasi a sorpresa come "No Harm Done", la cantautrice americana è tornata a casa, tra le montagne del Colorado, per offrirci un nuovo ciclo di canzoni intitolato "Godmother".
Ennesimo atto esplorativo, il nuovo lavoro non smentisce la magistrale gestione della varietà stilistica da parte della Foster. Se l'avvio di "Hum Menina" sembra raffigurare il folk ancestrale cui siamo abituati, dopo un minuto ecco apparire una via alternativa, una strada parallela, fatta di synth e disturbi elettronici che accompagnerà ogni traccia dell'album.
Questi suoni misticheggianti, eterei e a volte inquieti sono la strada scelta per dare corpo alla spiritualità da sempre esplorata dall'artista, questa volta portata fuori da tempo e spazio anche nei brani più distesi, come "Gold Entwine" o il primo singolo estratto "Guardian Angel". Ed è proprio all'apparire nella sequenza di "Guardian Angel" che "Godmother" mette in luce la linea sottile che ne altera il precario equilibrio tra la voce sempre eterea e la linearità delle composizioni, avvicinandosi incautamente al territorio alt-pop di John Grant.

Un procedimento in qualche modo rischioso, quello di unire l'acustica neoclassica delle ballate folk psichedeliche innervate dai bassi profondi (l'ibrido di "Sparks Fly") a questa metodologia quasi ultraterrena. Allo smarrimento iniziale subentra il fascino trasversale dell'insolita scelta stilistica, incoraggiando l'ascoltatore a soffermarsi su più particolari, sulla corsa parallela e sull'intreccio dei due strati che compongono le canzoni, domate dal sempre straordinario virtuosismo vocale della Foster, capace di innalzare verso il cielo la splendida "Old Teardrop" che dall'incipit sembra una "quasi cover" di "Hurt" dei Nine Inch Nails.
Il non facile percorso ad ostacoli di "Godmother" assume infine una propria valenza: le moleste sonorità elettroniche sono spettrali e spirituali al pari delle ortodosse trame folk del passato, a volte mettono in crisi l'apparato strutturale delle composizioni, spossando la debole struttura country di brani come "Flask Of Wine", senza per fortuna intaccare la fiabesca grazia delle voce nella ballata dall'ampio respiro incorporeo di "Dali Rama".

Il minimalismo espressivo ne esce vincente e fortificato da un'ascesi sonora che coinvolge in un solo frangente Alice Coltrane, i primi Kraftwerk e Moondog. Nuovi orizzonti, che a volte, non lo nego, risultano inquietanti, per un'artista che ha scelto di guardare oltre confine, ampliando i disturbi sottili che innestavano "Faithful Fairy Harmony" pur non rinnegando la sua vocazione di folk spirituale, mistico e psichedelico.
In quest'ottica le pagine più riuscite sono il folk psichedelico di "Nun Of The Above" e la profonda nemesi weird-folk di "The Sum Of Us All", dove le ipnotiche incursioni elettroniche gravano fino a renderlo un ipnotico mantra.

Arrangiamenti sopraffini e la voce sempre coinvolgente sono segnali evidenti di una poetica che, nonostante tutto, è rimasta immutata. "Godmother" è una discesa negli inferi, una nuova forma di barocchismo sonoro trafitto dalla natura minimale della scrittura di Josephine Foster, un passo incerto che apre nuovi orizzonti e lascia una deliziosa sensazione di misticismo e devozione dalla natura ancestrale.

(24/01/2022)

  • Tracklist
  1. Hum Menina
  2. Sparks Fly
  3. Guardian Angel
  4. Old Teardrop
  5. Flask Of Wine
  6. Gold Entwine
  7. Dali Rama
  8. Nun Of The Above
  9. The Sum Of Us All




Josephine Foster su OndaRock
Recensioni

JOSEPHINE FOSTER

No Harm Done

(2020 - Fire)
Dopo venti anni di onorata carriera, il talento della musicista americana è ancora puro e cristallino ..

JOSEPHINE FOSTER

Fairy Faithful Harmony

(2018 - Fire)
La sirena torna a incantare e questa volta sarà difficile resistere alla sua voce ammaliatrice ..

JOSEPHINE FOSTER

No More Lamps In The Morning

(2016 - Fire Records)
La folksinger americana reinterpreta se stessa con tenerezza e audacia

JOSEPHINE FOSTER

I'm A Dreamer

(2013 - Fire)
L'opera più accessibile e raffinata della grande interprete e studiosa del folk

JOSEPHINE FOSTER

Blood Rushing

(2012 - Fire)
La cantautrice americana torna a vestire i panni della strega campestre degli esordi

JOSEPHINE FOSTER

Graphic As A Star

(2009 - Fire)
La sirena folk americana in una rilettura ardita e personale di Emily Dickinson

JOSEPHINE FOSTER

This Coming Gladness

(2008 - Bo'Weavil)
Alla ricerca della felicità: lo straordinario come back della Foster

News
Josephine Foster on web