Lee Ranaldo & Ral Refree

Names of North End Women

2020 (Mute) | avant-songwriter, world music

Arriva la prima collaborazione ufficiale firmata da Lee Ranaldo, ex-chitarrista e fondatore della cult band Sonic Youth, e dal musicista spagnolo Raül Refree, che aveva prodotto il precedente album di Ranaldo "Electric Trim" (Mute, 2017). Viene annunciata come l'inizio di un nuovo sodalizio artistico, quindi il primo passo del chitarrista virtuoso newyorkese verso la scomposizione e la riconfigurazione del suo linguaggio, basato finora sul suo strumento principale, e un ulteriore inizio fatto di sampler, registratori a nastro e musica concreta - in territori familiari più a musicisti come William Basinski - ma con una forte vocazione orale alla melodia e alla poesia recitata.

Il titolo dell'album evoca una passeggiata fatta dal musicista americano nel quartiere di North End a Winnipeg, nella provincia canadese di Manitoba, dove ogni strada è intitolata al nome di battesimo di una donna. L'album è quindi pervaso da questa dimensione spaziale rarefatta, con un incipit narrativo che suona promettente: "Alice etc." rappresenta infatti un incontro felice tra elettronica minimale, spoken-word e musica tradizionale, il cui mix ricorda il post-rock dagli echi mediterranei del duo Xylouris White che incontra i recitativi di Matana Roberts nel progetto "Coin Coin".

Tra le cose migliori del disco ci sono anche quei brani che mettono in risalto la vocalità di Ranaldo e non strettamente legati allo spoken-word, come "Words Out The Haze" e "The Art Of Losing", col suo finale un po' bizzarro. Nel momento in cui l'album mantiene le coordinate enunciate nel brano di apertura tutto funziona alla grande, con un mix musicale equilibrato dove elettronica, campionamenti e misurati fraseggi soprattutto di marimba e vibrafono mettono in risalto i versi scritti da Ranaldo e integrati con quelli pensati dallo scrittore americano Jonathan Lethem ("New Brain Trajectory" e "Light Years Out"), che aveva collaborato alla scrittura anche in "Electric Trim".

Quando i brani si spostano troppo sul versante world music, come in "Humps" ma soprattutto nel singolo "Names Of North End Women" - evocazione del Peter Gabriel di "Secret World Live" (Geffen, 1994) - l'ascolto diventa un po' stucchevole, dando l'impressione che in quei panni Ranaldo non sia completamente a proprio agio. Invece il videoclip di questo singolo può godere delle splendide immagini estratte dal film "Outer Space" (1999) del regista sperimentale austriaco Peter Tscherkassky - che a sua volta rielabora le immagini del film horror "The Entity" (1982) di Sidney J. Furie - a rinsaldare un profondo legame tra Ranaldo e la scena vanguard internazionale.
Chiude l'album "At The Forks", con un'enfasi un po' troppo teatrale e un'atmosfera fin troppo zuccherina.

Un disco "processuale", potremmo definire così "Names Of North End Women". Sono le prove tecniche per un'inconsueta formula tra cantautorato, musica d'avanguardia e musiche popolari tradizionali, sperimentata con una strumentazione inedita che Ranaldo deve ancora fare davvero propria, ricavandone - come è già riuscito a fare nella sua carriera - una cifra stilistica personale.

(02/03/2020)

  • Tracklist
  1. Alice, Etc.
  2. Words out of the Haze
  3. New Brain Trajectory
  4. Humps
  5. Names of North End Women
  6. Light Years Out
  7. The Art of Losing
  8. At The Forks


Lee Ranaldo su OndaRock
Recensioni

LEE RANALDO

In Virus Times Ep

(2021 - Mute)
Un diario intimo del chitarrista dei Sonic Youth, registrato durante il lockdown del 2020 a New York

LEE RANALDO

Electric Trim Live At Rough Trade East

(2018 - Mute)
Londra, ottobre 2017: il resoconto della prima presentazione acustica dell'ex-Sonic Youth a supporto ..

LEE RANALDO AND THE DUST

Last Night On Earth

(2013 - Matador)
La conferma della congiuntura favorevole per la chitarra dei Sonic Youth

LEE RANALDO

Between The Times And The Tides

(2012 - Matador/ Self)
La fantasia deviata del chitarrista dei Sonic Youth, in compagnia di molti ospiti di lusso

News
Live Report
Lee Ranaldo & Ral Refree on web