03/07/2007

Peter Gabriel

Roma Rock Festival (Fiesta), Roma


di Stefano Fasti
Peter Gabriel
Performance non del tutto convincente, non del tutto deludente. Peter Gabriel, con la scusa dei pezzi più votati dai fan sul suo sito, mette insieme una setlist in fondo più congeniale a lui (com’è oggi) che non all’appassionato dei suoi più inquieti mondi. Questi i pezzi chiave dell’esibizione: “No Self Control” (quasi ricreata nella versione da studio e lontana da quella del “So tour”: il pubblico, mediamente impreparato, è rimasto inerme e Gabriel ne è parso risentito), “Intruder”, “Family Snapshot” (emozionante come in passato), “Lay Your Hands On Me” (vertice assoluto, anche dal punto di vista del gioco di luci: atmosfera densa e sospesa), “Secret World”. I pezzi "no" (ma puntualmente apprezzatissimi dal pubblico): “Steam”, “Big Time”, “Sledgehammer” (no, basta!), “Biko” (idem), “In Your Eyes” (idem). I pezzi "mediamente" riusciti: “The Rhythm Of The Heat” (Ged Lynch è troppo “powerful” per mostrare le doti di agilità che questo brano richiede), “Signal To Noise” (apprezzabili gli interscambi di chitarra tra i Rhodes e Adams, con riffoni molto zeppeliniani, ma le parti registrate sono davvero troppe), “Blood Of Eden” (che senza un ottimo controcanto femminile non decolla: siamo ad anni luce dalla meravigliosa versione del tour di “Us”), “On The Air” (dalla facciata hard-rock), “D.I.Y.” (che comunque funziona meglio di “On The Air”), “Mother Of Violence” (molto delicata ma rovinata dalla voce della signorina Melanie Gabriel). 

I brani, già eseguiti in questo tour, che si sperava di ascoltare erano ben altri: “Indigo”, “Hundrum”, “Moribund The Burgermeister”, “I Don't Remember”, We Do What We're Told”... E invece, riecco la solita versione “in crescendo” di “Solsbury Hill” per soddisfare una platea che magari non è che si destreggiasse bene nei meandri meno noti della discografia gabrielliana.Perché non una esibizione integrale di "IV"? Tanto il Gabriel migliore sta tutto lì. E di certo ho sempre sperato in una setlist che pescasse molto da lì: almeno una “Wallflower”, almeno una “The Family And The Fishing Net”... Invece si è giocato al teatrino dei ricordi provando ad estrarre qualche titolo da ogni album.

Gabriel non ha più la forza di fare l'istrione ma il guaio è che ci prova lo stesso. Risultando un po’ sgraziato e, alla fine, di dubbio gusto (ma quanto dovranno durare le “macchiette” di Steam?): perché non rimanere elegantemente dietro le tastiere, magari mettendoci un po’ di impegno in più? La band, nonostante un Tony Levin e un David Rhodes sempre ad alti livelli, ha perso un po’ di smalto e deve puntare di più sul muro ritmico di Ged Lynch (che fra l’altro non sembra per nulla uno “spirito affine” al calvo e baffuto bassista). Il solito insulso tastierista di turno (stavolta abbiamo Angie Pollok) riesce solo a dar vita a sonorità già da tempo archiviate negli hardware sonori di Gabriel. 

In generale, comunque, la performance è stata molto carente dal punto di vista delle dinamiche dei suoni: a titolo di esempio, citerei “No Self Control”, in cui la chitarra non riesce a fare uno stacco netto quando entra la batteria. Un concerto privo colpi di reni, insomma. Anche la setlist non è stata studiata con cura al fine di evitare l’inefficacia di certe sequenze di brani.

In fin dei conti, nei confronti di questa data ho provato, per usare una espressione in inglese, "mixed emotions". A 20 anni dalla magia del “So tour”, le cose, inevitabilmente, non sono più le stesse...

Setlist
  1. Rhythm Of The Heat
  2. On The Air
  3. Intruder
  4. D.I.Y.
  5. Steam
  6. Blood Of Eden
  7. No Self Control
  8. Solsbury Hill
  9. Mother Of Violence
  10. Family Snapshot
  11. Big Time
  12. Lay Your Hands On Me
  13. Secret World
  14. Signal To Noise 

Bis:

  1. Sledgehammer
  2. In Your Eyes
  3. Biko
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.