bvdub

We Were The Sun

2009 (Quietus Recordings) | dream-ambient

Bvdub ci prende gusto. Dopo "To Live" di quest'anno, un tre pollici del quale vi abbiamo parlato in termini entusiastici, il talento americano pubblica in edizione limitatissima un cd-r piuttosto corposo.
Se dovessimo riassumere l'essenza di "We Were The Sun" in un termine, ebbene questo sarebbe "ascesi". La colonna verticale dei sei brani, tutti tranne l'ultimo con un minutaggio medio che si aggira intorno al quarto d'ora, è infatti rappresentata dalla costante presenza di climax boreali, che viaggiano su dimensioni parallele. Ponendo da parte l'immaginario artico di "To Live", "We Were The Sun", come da titolo, evoca orizzonti purissimi, che tenta di avvicinare attraverso una continua ricerca di perfezione sonora. La sensazione di un'ascesa a un paradiso terrestre viene plasmata nella paradossale concretezza di melodie cristalline.

L'incanto della traccia d'apertura è sbalorditivo: "It Mattered Once" ondeggia placida, ricadendo su se stessa, la risacca procede prima debolmente, poi via via aumentando di giri in un climax cosmico dai tratti shoegaze, puntellato da voci di sirene lontane, che ammaliano fino alla catarsi finale.
Trattando la materia sonora con piglio da veterano, Bvdub increspa, prima lievemente e poi via via con maggior intensità, il fluire ambientale di "Will You know Where To Find Me", dosando con cura voci eteree, giustapponendole e intrecciandole fino a farle diventare parte integrante dell'incedere delle note. E se "Live To See The Day" eleva la purezza alla massima potenza, forgiando uno slancio invidiabile nel suo svolgersi a macchia d'olio - grazie anche all'innesto di un coro e a lievissimi tocchi di frusta in sottofondo - "Time Will Tell" ricalca parzialmente la struttura di "To Live", facendo emergere a pelo d'acqua un suono pieno e totalmente saturo.
Prima della trasognata conclusione di "Lest You Forget", "I Knew You Then" spinge il volume al massimo, risultando tanto estatica e sognante quanto evanescente.

Tracciando bozzetti di creature e visioni ultraterrene, Bvdub sprigiona una capacità compositiva impressionante. Pur dilungandosi talora in maniera eccessiva, il musicista di Detroit amalgama perfettamente nell'ora abbondante di "We Were The Sun" l'essenza dell'ambient che strizza l'occhio al drone e allo shoegaze. Bellissimo.

(26/10/2009)



  • Tracklist
  1. It Mattered Once
  2. Will You Know Where To Find Me
  3. Live To See The Day
  4. Time Will Tell
  5. I Knew You Then
  6. Lest You Forget
bvdub su OndaRock
Recensioni

BVDUB

Tanto

(2014 - Quietus)
Dopo aver trascinato l'amico Loscil l'anno scorso, il flusso di coscienza di Brock Van Wey travolge ancora ..

BVDUB & LOSCIL

Erebus

(2013 - Glacial Movements)
Capolavoro assoluto per un connubio elettronico dal grande potere emozionale

BVDUB

Tribes At The Temple Of Silence

(2011 - Home Normal)
Fascino inalterato ma reiterazioni forzate nella nuova opera di Brock Van Vey

BVDUB

I Remember (Translations Of Mørketid)

(2011 - Glacial Movements)
Una "traduzione" integrale del lavoro di Alessandro Tedeschi da parte di Brock Van Wey

BVDUB

The Art Of Dying Alone

(2010 - Glacial Movements)
Ottanta minuti di vitalissimo isolazionismo ambientale firmato da Brock Van Wey per la romana Glacial ..

BVDUB

To Live

(2009 - Smallfish)
Ambient-music da sogno: verso l'infinito, e oltre

bvdub on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.