Tiziano Milani

Touch

2012 (Setola di Maiale) | elettroacustica

Tiziano Milani sembra aver trovato la chiave di volta per un suono totale, un suono che riesce a far propri i caratteri migliori delle avanguardie del Novecento, senza risentire di quel retrogusto di stantio che sono solite avere quelle musiche che vanno a porsi in territori di confine tra sound art, elettroacustica, droni e improvvisazione.

Il fine di Milani è quello di creare una musica site specific, che non sia più (o solo) semplicemente musica nel momento in cui, fondendosi con lo spazio e le architetture in cui va ad essere concepita, diviene altro da sé. Un oggetto che assume una sua identità e che è molto più della semplice sommatoria tra suono e spazio. "Touch" si inserisce in questo tipo di discorsi proponendo una metariflessione sulla fenomenologia del fare musica in maniera "tradizionale", e sull'affrancarsi dai metodi moderni di composizione che prevedono l'utilizzo esclusivo del digitale.

E in effetti l'esperimento risulta più che riuscito. La ricerca sulle timbriche e il modo in cui i diversi strumenti (viola, sax tenore, contrabasso, chitarra acustica, piano, percussioni ed electronics) interagiscono evidenzia uno studio vivo su quel tipo di suoni (droni ed elettroacustica, per l'appunto) che, spesso, concepiti in maniera esclusivamente digitale diventano un semplice quanto noioso simulacro. Anche il silenzio, attorniato e fesso da suoni che recano con sé sangue e materia pulsante, riacquista il senso originario di uno spazio dinamico.

(19/03/2012)

  • Tracklist
  1. Love Touch
  2. Zen And The Art Of Piano
  3. In The Silence Of A Vain Wait
  4. Primary Structures
  5. Dark, Dark, My Light (16.1.8)
Tiziano Milani on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.