Lleroy

Soma

2013 (Blinde Proteus et al.) | post-hardcore, noise-rock

Dopo uno iato di ben cinque anni (“Juice Of Bimbo”), il power-trio marchigiano dei Lleroy torna con “Soma”, un album nervino in cui la possanza dei tre trasforma ogni brano in orge di riff post-noise e groove spinosi da contendere la palma agli Unwound, o in picchi di devastazione post-hardcore che approccia le vette dei Gerda.

Il carrarmato heavy metal di “Tignola” si trasforma in pochi istanti in un frastuono di martellate e urla. La violenza tartagliante dei primi One Dimensional Man è resa ancor più spaccatimpani grazie ai subliminali ma velenosi interventi di elettronica.
Da qui in poi tutto l’album è un agglomerato, sciorinato in modo un po’ meccanico, di slam-dance caotiche con stacchetti acrobatici (“Cuorleone”), turbine distorte (“Cuorleone”) che volgono l’emo-core più sintetico a sarabande vorticanti (“Merda Nazionale”) e prendono a incantare l’hardcore più convenzionale come in un 33 giri difettoso (“Ultimi Sintomi”).

Anche con le cadenze appena più lente, quasi thrash, come nella title track, l’affare si fa sempre e comunque complicato in dissonanze e cacofonie brade, con canto disperatamente urlato ma sempre e comunque sopraffatto dalla tempesta di rumore impetuoso. “Don Peridone” attacca come panzer tribale, ma poi il suo svolgimento è più caotico che mai (a onor del vero al limite della confusione), fino a sfogarsi in un’eruzione lavica a velocità tripla.
Il picco di eccesso e trasformismo è raggiunto dai 7 minuti di “Omega999”, da magma repellente di grindcore scombinato, voci e distorsioni, tempo che cambia di continuo, a quiete di rumori tarantolati e poi persino post-rock con ambience elettronica.

Secondo disco in quasi dieci anni di esistenza per il trio (Francesco “Fre” Zocca, anche al monotron, Chiara Antonozzi, Riccardo Ceccacci), co-prodotto con Blinde Proteus, Bloody Sound Fucktory, Sangue Dischi, Mescaleros Crew, Only Faucking Noise, Sweet Teddy, Narvalo Suoni, e la stessa band. Seppur non così strabiliante nel materiale di partenza, e non così chiaro perché sfigurato, ha dalla sua un saldo equilibrio, quello tra rapidità forsennata di esecuzione, anti-virtuosismo acrobatico e complessità nella composizione, o de-composizione, dei brani. Una post-produzione esorbitante, non ultima quella di Enrico Angus Tauraso ai sample in “Cuorleone” e “Omega999”.

(27/06/2013)

  • Tracklist
  1. Tignola
  2. Cuorleone
  3. Dentro al Cerchio
  4. Don Peridone
  5. Soma
  6. Ultimi Sintomi
  7. Merda Nazionale
  8. Omega999
  9. Pura Grazie
Lleroy su OndaRock
Recensioni

LLEROY

Dissipatio HC

(2017 - Coypu)
Furia ma anche stile e sperimentazione nel post-hardcore dei tre marchigiani

LLEROY

Juice Of Bimbo

(2008 - Sweet Teddy)
Il post-hardcore della formazione di Ancona

Lleroy on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.