Barna Howard

Quite A Feelin'

2015 (Mama Bird) | folk, country, songwriter

Barna Howard è il vero purosangue del cantautorato americano: probabilmente l’unico per cui almeno gli Ottanta e i Novanta e i Duemila potrebbero non essere mai trascorsi. In questo “Quite A Feelin’”, seguito dell’impressionante debutto omonimo, Barna sembra spostare, in qualche episodio, le lancette ancora più indietro, verso i tempi di Johnny Cash (la molle narrazione country di “Bitter Side Of Blue”).

Forse anche più che nell’esordio emerge l’aspetto imitativo, anche nei testi, della musica del cantautore americano, soprattutto perché sembra assente l’ispirazione che aveva portato alla scrittura dei brani più memorabili di “Barna Howard”.
“Quite A Feelin’” scorre invece all’insegna di una placida medietà, con brani vagamente più arrangiati dell’esordio (“Pull Us Back Or Wind Us Up”). Anche nei momenti più toccanti, la melodia del pezzo non si invola mai, o quasi (“Hands Like Gloves”).

Insomma, benché lontana dal potersi considerare logora, la proposta di Howard vive in questo “Quite A Feelin’” di rendita, spesso anche dal punto di vista della scrittura, rispetto all’esordio. Un passo falso, almeno per metà, che può capitare.

(05/05/2015)



  • Tracklist
  1. Indiana Rose
  2. Bitter Side Of Blue
  3. Hands Like Gloves
  4. Notches On A Frame
  5. Quite A Feelin’
  6. Whistle Show
  7. Then And There
  8. Rooster Still Crows
  9. Pull Us Back Or Wind Us Up
  10. Lend Me A Moment
Barna Howard su OndaRock
Recensioni

BARNA HOWARD

Barna Howard

(2012 - Mama Bird)
L'esordio di un giovane Townes Van Zandt

Barna Howard on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.