Federico Albanese

By The Deep Sea

2018 (Neue Meister/Berlin Classics) | modern classical

Nel sempre più esteso elenco di musicisti d’estrazione accademica che ambiscono all’ardita liaison fra mondo classico e pubblico indie, quello di Federico Albanese è il nome italiano che si sta facendo spazio fra un Nils Frahm e un Olafur Arnalds. Collaboratore occasionale di Ludovico Einaudi, il capostipite della scena “modern classical” nazionale, milanese di nascita, berlinese d’adozione artistica, Albanese dà un seguito all’apprezzato “The Houseboat And The Moon”, risalente al 2014, con un nuovo lavoro minimale, fortemente evocativo e di grande raffinatezza.

Delicate e notturne, introspettive e solenni, le dodici tracce di “By The Deep Sea”, tutte interamente strumentali, lasciano che siano l’inverno e la malinconia a prendere il centro della scena, caratterizzandosi solo per brevi tratti di increspature (“Mauer Blues”) o crescendo di grande intensità (“Boardwalk”). E’ il pianoforte a dettare le regole (“The Room”, “Veiled”), acquisendo nuova luce e spazialità attraverso il contributo dell’elettronica, per mezzo di synth ed effetti (“Your Lunar Way, “By The Deep Sea”). Molte registrazioni sono il risultato di session d’improvvisazione, alle quali è stato poi sovrapposto un puntiglioso lavoro di post-produzione e arrangiamento in studio.

Tutti gli strumenti sono stati suonati da Albanese, eccetto il violoncello di ILLAY (in primissimo piano, ad esempio, in “We Were There”), con quell’impronta di natura cameristica che rischia di diventare un portentoso case study per chi in Italia vorrà cimentarsi nel sentiero musicale che oggi riesce a coniugare classicismo e modernità, sdoganando l’immagine austera dei Conservatori presso il circuito indie più “popular”. In tal senso, “By The Deep Sea” ha tutte le carte in regola per assurgere al ruolo di must per tutti i cultori e gli appassionati del genere, senza sfigurare al cospetto dei più grandi.

(08/03/2018)

  • Tracklist
  1. 682 Steps
  2. We Were There
  3. Your Lunar Way
  4. Slow Within
  5. Mauer Blues
  6. Untold
  7. Boardwalk
  8. The Room
  9. Veiled
  10. By The Deep Sea
  11. Minor Revolt
  12. The Cradle




Federico Albanese su OndaRock
Recensioni

FEDERICO ALBANESE

The Houseboat And The Moon

(2014 - Denovali)
L'esordio del potenziale primo candidato a erede di Ludovico Einaudi

News
Federico Albanese on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.