Vanessa Wagner

Vanessa Wagner

In volo sui tasti

intervista di Giuliano Delli Paoli

Raggiungiamo la pianista francese Vanessa Wagner, in occasione dell'uscita del suo ultimo disco, “Study Of The Invisible”, in cui rielabora con grazia minimalista Philip Glass, Ezio Bosso, Susanne Ciani, Brian e Roger Eno, Murcof, Moondog e molti altri. Un album che esalta la curiosità e lo spessore di una delle musiciste più raffinate della scena neoclassica transalpina.

Com'è stato passare da Scriabin, Rachmaninov e Ravel a compositori post-minimalisti come Peter Garland, David Lang, Julia Wolfe?
Ho iniziato a suonare questo repertorio dopo anni trascorsi a suonare solo quello che viene chiamato il "grande repertorio". Mi sono avvicinata a loro in modo relativamente simile, mettendoci tutto il mio bagaglio tecnico, l'attenzione molto sostenuta che ho per i colori e i timbri del pianoforte. Naturalmente i mezzi sono diversi, perché in Rachmaninov o Scriabin, per esempio, c'è una profusione di note diversa, e ci sono sensazioni esplosive e armonie molto ricche. La cosiddetta musica minimalista ha un approccio più spoglio, più interiore, e sono sicura che non sarei stata in grado di suonarla con una profonda comprensione se mi fossi avvicinata quando ero più giovane.

Perché hai deciso di intitolare l'album "Studio dell'invisibile"?
Questo disco è stato registrato nel bel mezzo della pandemia, quando tutte le sale da concerto erano chiuse e non avevamo legami sociali, nessuna visione culturale e noi artisti non potevamo esibirci sul palco. Ho chiesto alla mia etichetta Infiné se potevo registrare, è stata come un'ancora di salvezza per me, sento davvero che mi ha salvato. Ho lavorato molto, decifrato, scoperto nuovi pezzi e poi ho iniziato a lavorare. Ho anche chiamato un bellissimo Auditorium dove avevo già registrato due dischi e hanno aperto i battenti per 4 giorni. L'edificio era completamente vuoto, eravamo solo io, il mio tecnico del suono e l'accordatore di pianoforte. Una sensazione solitaria strana che ha influenzato anche il disco. Eravamo tutti separati, tutti privati dell'essenza della nostra vita. Rifugiarsi quindi in questa musica così forte, così malinconica, è stato per me un grande conforto. Ho costruito la tracklist come una storia, con un inizio e una fine, collegando tutto a parole invisibili, storie segrete. C'è molta sensualità in queste tracce. Quando poi ho visto la scultura di Laurent Pernot in una galleria d'arte, l'ho trovata molto morbida, molto tenera e anche molto misteriosa. Questa sensazione di intimità, vicinanza e distanza allo stesso tempo corrispondeva completamente a ciò che volevo esprimere in questo disco.

Raccontaci un aneddoto sulla tua collaborazione con il produttore messicano Murcof. Com'è stato collaborare con lui e cosa le ha lasciato.
Fu con lui che iniziai ad avvicinarmi al repertorio di Cage, Glass o Arvo Part. Abbiamo lavorato insieme per diversi anni e il nostro album “Statea” è stato un vero punto di svolta nella mia carriera. È da lì che ho iniziato a scoprire quale posto volevo occupare nel panorama musicale. Ho pensato che volevo esplorare altri percorsi oltre a quelli tracciati per i musicisti classici. Abbiamo fatto molti concerti insieme a livello internazionale e non vedo l'ora di continuare la collaborazione perché sento parlare regolarmente della nostra collaborazione discografica.

Cosa simboleggia per te la copertina dell'album? Perché due labbra di pietra si toccano, c'è un significato nascosto?
Queste bocche, sia vive che congelate, simboleggiano il mistero e la sensualità che emanano da questa musica.

Quando hai iniziato a suonare il pianoforte?
Ho iniziato per caso quando è arrivato a casa mia il pianoforte della mia bisnonna. Ricordo perfettamente la mia prima lezione nell'appartamento di colui che mi introdusse per qualche mese al pianoforte.

Che consiglio daresti a un giovane che vorrebbe iniziare a suonare il pianoforte?
Essere curiosi, ascoltare tanta musica e lavorare. Coltiva la tua libertà, la tua curiosità, la tua singolarità, stai sveglio, amplia il tuo spettro di conoscenze, evita di diventare invidioso, evita di essere risucchiato nel mondo dell'apparenza.

Reinterpreti "Gustave Le Gray" di Caroline Shaw. Cosa ti ha colpito di questa giovane promessa della musica?
Ho scoperto questo pezzo mentre ascoltavo "Orange", un album che mi piace molto. Questo pezzo è strano, si avvicina a diversi stili in modo molto libero e ha un forte potere armonico. È molto maturo per una compositrice così giovane.

Hai mai incontrato Bosso? Perché hai scelto "Prima delle 6"?
Ho scoperto il pianista e il personaggio prima di scoprire “Before 6”. Mi è piaciuta subito la sua libertà, così come il suo essere stravagante. Non mi piacciono tutte le sue composizioni, ma "Prima delle 6" è incredibile ed è piena di malinconia.

Qual è il luogo più insolito in cui hai suonato il piano?
Ho suonato in molti posti sorprendenti e mi piace molto l'idea di uscire dalle solite sale da concerto. La più incredibile è stata la volta in cui ho suonato nel circo di Mafate a Reunion Island. Fu l'unica volta nella mia vita in cui accettai di suonare un pianoforte verticale, perché non era possibile portare un pianoforte a coda. Le persone giacevano nell'erba intorno a me, era pura magia.

Hai suonato in tutta Europa e anche in Italia, come al Romaeuropa Festival e al Teatro Franco Parenti di Milano. Che legame hai con l'Italia? 
L'Italia è la mia terra del cuore, lì ho una parte della mia famiglia e mio marito è nato a Villa Medici a Roma. Ho trascorso la maggior parte dei miei viaggi in Italia, soprattutto in Toscana, che amo più di ogni altra cosa.

Quando arriverà un nuovo album di composizioni inedite?
Ci saranno dei remix e ho registrato più pezzi di quelli che potrebbero rientrare nell'album. Continuerò con un sequel di “[Inland]”, il mio primo album di questo genere, e “Study”.

Discografia
 Scriabine (Lyrinx, 1998) 
 Variations (Ambroisie, 2008) 
[Inland] (Infiné, 2019) 
Study Of The Invisible  (Infiné, 2022) 
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Vanessa Wagner su OndaRock
Recensioni

VANESSA WAGNER

Study Of The Invisible

(2022 - Infiné)
La fuga minimalista della pianista classica francese in quindici intime reinterpretazioni