Piana

Eternal Castle

2007 (Noble) | j-pop, glitch

Naoko Sasaki, in arte Piana, rispetta la cadenza biennale con cui ha pubblicato i suoi primi due album e giunge al nuovo anno con “Eternal Castle”. La naturale scarnificazione della sua formula dai contorni elettronici, iniziata con il precedente “Ephemeral”, giunge a nuova tappa, con grande intensità, e incanto stellare. Gli elementi che in precedenza ci avevano commosso sono sempre gli stessi. Quei piccoli particolari che hanno reso Piana una delle migliori rappresentanti del pop elettronico di stampo crepuscolare proveniente dal Giappone, insieme a Gutevolk, Tujiko Noriko e l’esordiente Moskitoo.

In questa manciata di canzoni, troveremo sì grandi arrangiamenti acustici nei filamenti di una struttura elettronica sottile, ma anche slanci pop che riportano a frangenti più minimali di artiste come Chihiro Onitsuka, Maaya Sakamoto e Kaela Kimura. Questa scelta, giusto per dare una sentenza aprioristica, risulterà azzeccata se non decisiva. Soprattutto in questo ambito, la capacità di evolvere il modo con cui cesellare canzoni è a dir poco fondamentale, perché, come in ogni caso, la ripetizione stanca di certi stilemi, anche se piacevoli, può far storcere il naso ai più esigenti.

L’iniziale “With Sea” è l’introduzione perfetta, perché inserisce l’ascoltatore nell’usuale atmosfera ovattata e fatata. Note di piano lontane e distanti, si intrecciano con delicati giochini da laptop e silenziose voci che sanno di magia.
“Norway” ricorda alla lontana la prima traccia di “Ephemeral”, “Something Is Lost”. Nebbioline assordanti, chitarra suonata nel buio più tenebroso, vocalizzi docili e deliziosi di Naoko. Il ritmo, sostenuto da una timida drum-machine, si dipana con distensione; il violino (suonato ancora dall’amico Gen Saito), con note dal fare pungente, arricchisce con grande colore i secondi che scorrono veloci. Di grande spessore il finale, circa sessanta secondi di ambient granulare e sotterranea.

“Two Of Us” è un esempio della svolta di cui parlavamo all’inizio. I contorni elettronici e la voce sono gli unici elementi che rimangono intatti; lo svolgimento generale e soprattutto il ritmo apparentemente stabile e srotolato con ordine, riporta a certi episodi dell’accoppiata Maaya Sakamoto-Yoko Kanno. Le emozioni sgorgano prorompenti nella splendida “Snowflakes”, un vero e proprio fiume in piena, strabordante, senza freno. L’inizio illusorio si strascica faticosamente, con affanno e attimi di sospensione; quando il ritmo scalpitante prende il largo, dopo attimi di attesa, è un fiore a sbocciare. Ogni singolo elemento prende corpo e si sposa perfettamente con il resto, e viene quasi da dire che forse siamo di fronte al più bel pezzo del repertorio dell’artista.

“Ancient Note” si avvale dell’aggiunta del piano, con ancora il violino a primeggiare fra gli strumenti; dosati uno a uno con grande gusto melodico. Non delude, e introduce alla parte finale del disco, la successiva “Hydrangea”, episodio pop di grande pregio.
“Beyond The Season” ritorna indietro nel tempo proponendo un magico flashback all’interno del primo disco (“Snow Bird”), precisamente dalle parti di “Butterfly”. L’impianto elettronico questa volta non è solo contorno, visto che il frangente più bello è proprio quando la voce viene lasciata sola con i beat, frastagliando il silenzio con schegge digitali assai incisive.
L’ottava traccia (“Prayer”), che saluta l’ascoltatore, è un arrivederci tanto dolce quanto coinvolgente; lo scontrarsi fra la voce bambinesca e le note di piano si dimostra una combinazione a dir poco struggente, sostenuta da cori cristallini.

Giocando con i generi, aiutata dalla sua fantasia frizzante, Piana si è ritagliata uno spazio personale all’interno di ogni cuore di chi vuole accoglierla. I suoi dischi, mai statici, ma dotati di grande flessibilità stilistica, riescono a esprimere emozioni e sensazioni mai sopite.

(28/10/2007)

  • Tracklist
1. With The Sea
2. Norway
3. Two Of Us
4. Snowflakes
5. Ancient Note
6. Hydrangea
7. Beyond The Season
8. Prayer
Piana su OndaRock
Recensioni

PIANA

Muse

(2014 - guns N' girls Records)
Il ritorno dopo sette anni di Naoko Sasaki, nome di punta del glitch-pop giapponese

PIANA

Ephemeral

(2005 - Happy Records)

Piana on web