James Yorkston

Roaring The Gospel

2007 (Domino) | folk, songwriter

Il ritorno in auge della musica folk negli ultimi anni è stato salutato da alcuni come un piacevole e salutare riavvicinamento alle radici della musica “leggera” e alle sue espressioni più semplici e genuine, da altri, come l’ennesimo revival caratterizzato da poche idee e nessuna innovazione.
Chi scrive appartiene senza ombra di dubbio alla schiera dei primi, e ciò è dovuto, principalmente, alla grande quantità di musicisti e autori di grande livello che, nel corso di questo scorcio di nuovo millennio, hanno dato alle stampe album assolutamente degni di nota che, se indubbiamente non hanno innovato la musica folk, hanno dalla loro il pregio di essere toccanti e profondi, eleganti e pieni, zeppi di canzoni dalla grazia e delicatezza assolute.

Nel novero degli artisti più validi in questo ambito, accanto a musicisti americani quali Iron & Wine, Chris Bathgate, Micah P. Hinson, si è affermato, pian pianino, senza clamori, ma con una solidità e una capacità di scrittura davvero fuori dalla norma, lo scozzese James Yorkston.
Collegato a doppio filo alla comunità di musicisti folk che si riuniscono intorno al cosiddetto “Fence Collective” (e di cui fanno parte anche nomi abbastanza noti come King Creosote e Lone Pigeon) James si è costruito una fama che, in breve tempo, lo ha portato a essere apprezzato anche da alcuni dei maggiori esponenti del folk “classico”, quali Bert Jansch e John Martyn.
Anche un’etichetta tanto attenta ai movimenti sotterranei della musica d’Albione come la Domino si è accorta di lui, e ora, con tre solidi album alle spalle (in due dei quali accompagnato dai fidi Athletes), James ha l’occasione di riprendere in un'unica raccolta singoli, brani inediti e un paio di singolari cover.

Ribadendo quanto già evidenziato l’anno scorso con “The Year Of The Leopard”, (uno degli album migliori del 2006 nel proprio ambito), Yorkston si conferma uno scrittore elegante, un interprete raffinato e mai sopra le righe e un arrangiatore sopraffino.
Già dall’iniziale “A Man With My Skills”, leggermente più movimentata rispetto ai suoi standard e punteggiata da sublimi note di pianoforte, è chiaro che il nostro abbia delle capacità artistiche notevolissime. Il successivo brano, classicamente folk, lento e sussurrato, “Someplace Simple”, lo conferma, e, collocandolo idealmente al fianco dei maestri del genere, potrebbe tranquillamente essere stato scritto 30 o 40 anni fa. La conclusiva “La Magnifica”, tenendo fede al proprio titolo, poi, incanta con il suo incedere malinconico ed emozionate e con le sue cesellate note di chitarra.

Sorprendente e affascinante anche la particolarissima cover di “Song To The Siren” di Tim Buckley (già rifatta, in maniera commovente dai This Mortal Coil una quindicina di anni fa) reinterpretata da Yorkston all’insegna dell’understatement e prosciugata dal pathos incalzante dell’originale.
Tutte le canzoni comprese nella raccolta, dalle “barcollanti” e alcoliche “Blue Madonnas” e “Sleep Is The Jewel”, alla delicata “Seven Streams”, fino al raffinato numero, quasi jazzato, di “Are You Coming Home Tonight?”, comunque, dimostrano come non esistano, nel repertorio di Yorkston, brani “minori”, “B-Sides”, e come il musicista scozzese riservi a tutta la propria produzione la stessa cura certosina nella scrittura e negli arrangiamenti, la stessa amorevole attenzione e considerazione, come un buon padre di famiglia farebbe con i proprio pargoli.

“Roaring The Gospel” che, come tutti i suoi predecessori, richiede, per essere apprezzato fino in fondo, ascolti attenti e ripetuti, lungi dall’essere una mera operazione riepilogativa, si pone come una conferma del valore e delle capacità del suo autore e, benché concepito fondamentalmente per gli appassionati di Yorkston, potrebbe rivelarsi un ottimo punto di partenza per tutti coloro che ancora non avessero avuto la possibilità (o la voglia) di avvicinare questo cantautore schivo e discreto, ma che incarna una delle figure più interessanti della scena folk del nuovo millennio.

(06/07/2007)

  • Tracklist
  1. A Man With My Skills
  2. Someplace Simple
  3. Blue Madonnas
  4. Seven Streams
  5. The Hills & The Heath
  6. Song To The Siren
  7. Moving Up Country, Roaring The Gospel
  8. Blue Bleezin' Blind Drunk
  9. Sleep Is The Jewel
  10. Are You Coming Home tonight?
  11. The Lang Toun
  12. La Magnifica
James Yorkston su OndaRock
Recensioni

JAMES YORKSTON

The Route To Harmonium

(2019 - Domino)
Ritorno solista dopo cinque anni per il bardo scozzese

JAMES YORKSTON

I Was A Cat From A Book

(2012 - Domino)
Torna il decano e ispiratore del movimento folk britannico

JAMES YORKSTON & THE BIG EYES FAMILY PLAYERS

Folk Songs

(2009 - Domino)
Compendio dalle più disparate tradizioni folkloriche per il bardo del Fife

JAMES YORKSTON

When The Haar Rolls In

(2008 - Domino)
L'approdo alla maturità per il cantautore scozzese

JAMES YORKSTON

The Year Of The Leopard

(2006 - Domino)
Una risposta allo strapotere folk di Bonnie "Prince" Billy

James Yorkston on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.