James Yorkston

The Year Of The Leopard

2006 (Domino) | songwriter

James Yorkston è un cantautore folk che si è rilanciato in non più giovanissima età.
Dopo varie esperienze elettrificate, decide di appendere il distorsore al chiodo, d’imbracciare la chitarra classica, e di produrre un paio di demo che arrivano fin nelle mani di John Martyn. La preparazione del debutto su lunga distanza comincia con le prime prove con una band-spalla, gli Athletes, e la conseguente attività live. Nel primo Ep ("St. Patrick"), e nel primo album "Moving Up Country" (Domino, 2002) risuonano rispettosi (ma evidentissimi) echi di folk britannico tradizionale, pur nel loro viraggio - operato soprattutto dal produttore Simon Raymonde dei Cocteau Twins - allo stemperamento onirico. "Just Beyond The River" (Domino, 2004) prende in considerazione persino Four Tet, a riprova dell’impaziente (ma paradossalmente rallentata) evoluzione del songwriter verso sonorità sempre più emotive.

Forse anche grazie alla parallela attività con la Fence, "The Year Of The Leopard" - terzo album di Yorkston - riesce a togliere buona parte delle remore e a puntare tutto sull’atmosfera. Quattro i gioiellini della nuova opera. Anzitutto c’è "Steady As She Goes", riff arpeggiato Iron&Wine con concertina in contrappunto barocco e batteria jazzy in direzione di un chorus luminescente e altamente lirico, forse il miglior punto d’incontro tra produzione e scrittura dell’intero album. "Orgiva Song" è invece basata su una frase complessa e fratturata (e toccante) di piano elettrico, arricchita in senso melodico dal canto flemmatico e amplificata da incroci di polifonie timbriche. "5 A.m." si basa sull’alternanza di fisarmonica lungamente sospirata nella strofa e un chorus che si libra ampio e quasi ambientale nella sua serenità estatica, ma "Don't Let Me Down" è quasi anemia alla Tim Buckley posta in catarsi post-apocalittiche, in amplissime aure meditative, in registri d’inquieto canto di ringraziamento.

Apertura e chiusura del disco, rispettivamente "Summer Song" e "Us Late Travellers", sono invece emblematici del modus operandi dell’attuale Yorkston: ricami weird-folk (a tratti Newsom, a tratti Banhart), arpeggio che riporta a Eric Andresen, serie di strofe con canto che innalza la cantabilità delle sue trame di chitarra e concertazioni (legni, archi, tastiere) come pura emanazione emotiva. Così dicasi per la title track, duetto chitarra-voce con finale entrata in scena dei fiati esilissimi, e per "I Awoke", sonata folk-cameristica con nuovo arpeggio alla Samuel Beam (circa "Our Endless Numbered Days"), accordi solitari di piano e accompagnamento minimale di batteria. Completa il ciclo la marcetta a base di riverberi luminosi di "The Brussels Rambler".

Quasi scontato dire che la parte da leone è interpretata dagli arrangiamenti (ora cameristici, ora sognanti, ora dosatissimi al limite della supponenza) di Paul Webb, già bassista dei Talk Talk e già Rustin Man a fianco di Beth Gibbons, voce dei Portishead, in "Out Of Seasons" (Go Beat, 2002). Le canzoni, così così; spiace dover rilevare qualche forzatura di troppo (tipo il pattern di marzapane merrittiano di "Woozy With Cider", a firma Reporter, sciupato dal chiacchiericcio slacker-decadente del canto). Se cercate la pratica risposta allo strapotere di Bonnie "Prince" Billy, è il disco che fa per voi. Altrimenti ci si sentirà un Nick Drake della transizione "Bryter Layter"-"Pink Moon" in preda a una vaga premonizione di "Laughing Stock", nel bene e nel male.


(22/11/2006)

  • Tracklist
  1. Summer Song
  2. Steady As She Goes
  3. The Year Of The Leopard
  4. 5 A.m.
  5. Woozy With Cider
  6. I Awoke
  7. The Brussels Rambler
  8. Orgiva Song
  9. Don't Let Me Down
  10. Us Late Travellers
James Yorkston And The Second Hand Orchestra su OndaRock
Recensioni

JAMES YORKSTON AND THE SECOND HAND ORCHESTRA

The Wide, Wide River

(2021 - Domino)
Nuove contaminazioni per il musicista scozzese, questa volta in compagnia di un ensemble svedese

JAMES YORKSTON

The Route To Harmonium

(2019 - Domino)
Ritorno solista dopo cinque anni per il bardo scozzese

JAMES YORKSTON

I Was A Cat From A Book

(2012 - Domino)
Torna il decano e ispiratore del movimento folk britannico

JAMES YORKSTON & THE BIG EYES FAMILY PLAYERS

Folk Songs

(2009 - Domino)
Compendio dalle più disparate tradizioni folkloriche per il bardo del Fife

JAMES YORKSTON

When The Haar Rolls In

(2008 - Domino)
L'approdo alla maturità per il cantautore scozzese

JAMES YORKSTON

Roaring The Gospel

(2007 - Domino)
Un'emozionante raccolta di materiale raro per il menestrello scozzese

James Yorkston on web