Tiga

Ciao!

2009 (Pias) | dance, electro-pop

E’ tutta racchiusa in quel ventaglio gitano, in quel gesto almodovariano, l’anima di “Ciao!”. Il  pianeta “Sexor” è ormai lontano, e al disc-jockey/producer canadese è venuta voglia di sentirsi un po’ italiano, di approdare su coste ancor più assolate, dopo aver saccheggiato radio, masse e ogni forma di pista del globo terrestre. D’altronde, lo stile è tricolore. E la seconda prova del folletto di Montreal è un inno all’eleganza easy-listening più sfrenata, sorta di party privato ultra-fashion, con ospiti a dir poco illustri. Un’attitudine smisurata alla sensualità, dove il groove indossa il frac, le tastiere ricamano morbidi tappeti rossi, e il beat galleggia nel più esotico dei fruit on the rock.

Ad aprire i cancelli di villa Sontag sono i wa-wa e i beep-beep-beep acquerellati dei fratelli Daewale (Soulwax),  con il nostro american gigolò nelle vesti del cerimoniere spiritato. Una ritmica dal tessuto misterioso, condita da tamburelli in stile old-house in coda, a scaldare il lettore. L’impressione è di ritrovarsi a oscillare seguendo morbide ondulazioni eighties, già targate International Deejay Gigolos. Del resto, il ping pong con Christopher Scarf in “Shoes” è puro spasso clubbing, una leggerissima sterzata di manopole, prima di smanettare seriamente col mixer, instaurando il solito climax techno, sexy e fracassato. Difatti, “What You Need” sbotta e danneggia: stop and go roboante, palesemente cafone, cassa dritta, l’elettronica dei Soulwax priva di sfumature, e Jake Shears sintetizzato come uno speaker del "Cocoricò".
Da contraltare, i battiti telleriani di “Luxury” invitano a riaccomodarsi nel privè, dove sfarzo e poltronaggine sono una ragione di vita: “Luxury is all i see when i close my eyes...this is my reality”. E’ uno spento James Murphy, invece, a manipolare il tic tac elettronico di “Sex O’Clock”. I sospiri di un Tiga eccitato e disinibito non aggiungono assolutamente nulla, e la struttura electro-dance (iper) collaudata del vecchio marpione newyorkese stanca di brutto. Stesso dicasi per la petulante “Overtime” (ancora Soulwax), digeribile solo per pochissimi istanti, precisamente al quarto minuto, quando è una calda voce soul a subentrare nel pattume techno. Le pulsazioni à-la Joe Jackson di “Turn The Night On” recano solo indifferenza, mentre la nostalgia di una “Far From Home” schizza incontrollabile nei desideri più profondi.

Ciò che lascia realmente interdetti, in “Ciao!”, è l’inutilità dei vari Zdar e Murphy, venuti dall’esterno con la consapevolezza di garantire solo un’effimera presenza scenica. Conti alla mano, a Tiga converrebbe riprendersi il ruolo di one-hit-dj, senza disperdere ulteriormente il proprio cilindro da mago del dancefloor più mondano.

(15/05/2009)

  • Tracklist
1. Beep Beep Beep (feat. Soulwax)
2. Mind Dimension (feat. Jori Hulkkonen)
3. Shoes (feat. Soulwax & Gonzales)
4. What You Need (feat. Soulwax, Jake Shears)
5. Luxury (feat. Gonzales)
6. Sex O’Clock (feat. James Murphy)
7. Overtime (feat. Soulwax)
8. Turn The Night On (feat. Gonzales)
9. Speak, Memory (with Jasper Dahlback and Phillipe Zdar)
10. Gentle Giant (feat. James Murphy)
11. Love Don’t Dance Here Anymore (feat. Soulwax)
Tiga su OndaRock
Recensioni

TIGA

Sexor

(2006 - Pias)



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.