Architecture in Helsinki

Moment Bends

2011 (Modular) | synth-pop, electro-pop

È un pop tirato a lucido, bagnato nel luccichio e nel disincanto di un elettronica d'antan, scintillante e, tutto sommato, ancora giocherellona, come, del resto, impone la loro visione del mondo. Ascoltare "Escapee" potrebbe riassumere tutto il senso di questo nuovo lavoro della band australiana.

La conversione (definitiva?) a un pop sintetico di dubbio valore farà storcere il naso a molti estimatori del gruppo, eppure la band aveva messo le mani avanti: "Volevamo creare un disco con cui lasciarsi andare e perdersi un po'". Perdersi un po', certamente, ma perdere anche gran parte del proprio valore, perché in questi numeri "ballabili", ora malinconici ("Desert Island"), ora radio-friendly (il singolo "Contact High", ma anche una "That Beep" che ha un non so che di Madonna), ora proiettati in una dimensione parallela ("W.O.W."), la band finisce per smarrire quel senso dell'avventuroso e di un divertimento tutto "zibaldonesco" che tanto si era fatto ammirare in un disco come "In Case We Die", a tutt'oggi la loro cosa migliore.

L'ossessione per il pop, di tutte le latitudini e di tutte le epoche, resta comunque intatta pur se sepolta sotto strati di synth, di pulsioni digitali, di voci in delay. Riescono, quindi, a essere ancora catchy e gustosissimi in "YR Go To", ma anche prossimi al diabete in "Sleep Talkin'" o "B4 3D" (quest'ultima, degna di tanto mediocre romanticume in stile boy-band) o a tanta plastica pop di una trentina di anni fa, con voci che si danno il cambio in corsa, soluzioni finto-isteriche, percussioni stratificate ("I Know Deep Down", "Denial Style").

Manca il senso della misura, insomma. Mancano, però, soprattutto le canzoni, numeri da ricordare o da canticchiare col sorriso ebete stampato sul volto.
Un passo falso. Il loro disco peggiore, fino a questo momento.

(04/04/2011)

  • Tracklist
1. Desert Island
2. Escapee    
3. Contact High   
4. W.O.W.        
5. Yr Go To        
6. Sleep Talkin'        
7. I Know Deep Down        
8. That Beep    
9. Denial Style        
10. Everything's Blue        
11. B4 3D
Architecture in Helsinki su OndaRock
Recensioni

ARCHITECTURE IN HELSINKI

NOW + 4EVA

(2014 - CW5001C)
La band australiana prosegue nel solco synth/electro-pop del precedente lavoro

ARCHITECTURE IN HELSINKI

Places Like This

(2007 - V2)
Il nuovo party avant-pop del collettivo australiano

Architecture in Helsinki on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.