Atari Teenage Riot

Is This Hyperreal?

2011 (Digital Hardcore) | digital hardcore

Dodici anni, ma è come se il tempo si fosse fermato. Alec Empire e Nic Endo hanno deciso di rimettere in pista gli Atari Teenage Riot, tornati dopo oltre un decennio a pubblicare un nuovo album, con Cx Kidtronik al posto dello scomparso Carl Crack.
Dieci tracce a cavallo fra Prodigy ("Codebreaker") e Rage Against The Machine (ascoltate un po' "Black Flags"), nelle quali viene ribadita la consolidata personale formula basata su un hardcore digitale che, se agli esordi regalò alla band tedesca una posizione centrale nella vibrante scena berlinese, oggi sa tanto di minestra riscaldata.

Componenti elettroniche e approccio garage noise si fondono in maniera del tutto naturale, teletrasportandoci esattamente nel bel mezzo degli anni 90. Empire ha fatto circolare ad arte una leggenda secondo la quale "Is This Hyperreal?" sarebbe stato assemblato esclusivamente ricorrendo a un vecchio computer Atari con appena 2 MB di RAM: gli amanti della tecnologia dello scorso decennio non staranno nella pelle, gli amanti degli hype che si rincorrono senza sosta troveranno invece la cosa drammaticamente imbarazzante.

Dopo numerosi attenti ascolti risulta evidente come oggi gli Atari Teenage Riot non siano più in grado di spostare l'asticella in su, ma si impantanano nella riproposizione di soluzioni già sentite e già ampiamente percorse da loro stessi in passato. Idee buone ce ne sono, senz'altro, come nell'irresistibile frustata techno "Activate", che non sfigurerebbe nelle nottate più selvagge del Privilege. Oppure come quando Nic Endo gioca a fare la Kim Gordon, con risultati tutt'altro che disprezzabili, specie nella "Shadow Identity" che riesce a richiamare alla mente i Ciccone Youth.
L'unico problema (non proprio di poco conto) è che le nuove frontiere, sia nella scena electro che in quella hardcore, sono oggi ben più avanti rispetto al materiale proposto in questo dischetto. E anche dal punto di vista dei testi si registra un lieve appannamento: pur restando legati a temi di contestazione (buoni gli spunti contro il maltrattamento femminile esposti nel cyber-punk "Blood In My Eyes"), gli Atari Teenage Riot si ritrovano più volte a girare intorno all'inflazionato argomento della dipendenza da internet declamando, nell'allarmante "Re-arrange Your Synapse", "The internet / Is it worth the creation of a black hole that sucks up our time, creativity and friendships?"

"Is This Hyperreal?" è un disco che dividerà: chi ama la fusione fra rumorismi e scena rave lo troverà fondamentale, chi è alla ricerca continua di nuovi stimoli lo riterrà una proposta giunta fuori tempo massimo.
Magari si rivelerà l'importante primo passo di un nuovo percorso virtuoso e sarà in futuro ricordato come un eccellente disco di transizione. Ai posteri l'ardua sentenza.

(20/07/2011)

  • Tracklist
  1. Activate
  2. Blood In My Eyes
  3. Black Flags
  4. Is This Hyperreal?
  5. Codebreaker
  6. Shadow Identity
  7. Re-Arrange Your Synapses
  8. Digital Decay
  9. The Only Slight Glimmer of Hope
  10. The Collapse of History
Atari Teenage Riot on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.