Flourishing

The Sum Of All Fossils

2011 (Path Less Traveled) | post death-metal, progressive death-metal

A quel nugolo di formazioni (Gigan, Mitochondrion, Portal, Ulcerate) che negli ultimi anni stanno contribuendo a rifondare fondamenta e livelli intertestuali del death-metal, aggiungiamo con soddisfazione gli americani Flourishing, trio fondato da Garett Bussanick (ex-chitarra dei Wetnurse) insieme al batterista Brian Corcoran e al bassista Eric Rizk. Armati di evidenti tentacoli post-core e innamorati dei rumorismi industrial-sludge, i Flourishing sono da collocare in un'ideale linea evolutiva che collega i Gorguts (la venerazione per l'atonalità, il gusto per partiture progressive, le meccaniche esplose) e gli Ulcerate (il versante più atmosferico e tecnico delle pulsioni post- del death).

Preceduto da un Ep ancora immaturo ("A Momentary Sense Of The Immediate World") che meglio evidenziava finanche collisioni con l'universo grindcore (del resto, per Bussanick, loro suonano semplicemente "deathgrind filtrato da altri generi"...), "The Sum Of All Fossils", rilasciato dalla "microscopica" Path Less Traveled, è un disco sorprendente per come riesce a coniugare sperimentazione, violenza, visionarietà e compattezza stilistica.
Il trio vi suona in maniera spettacolare, presentando un sound tempestoso e cacofonico, frantumato in otto brani pesanti e avvincenti, dove belligerano riff atonali, cartilagini di rumore-ruggine e conati di lavico tormento. Otto capitoli viscerali in cui tutti i cliché del tech-death vengono travolti da un'ispirazione dirompente, che scolpisce tornado assordanti e ricchi di cromatismi disarmonici, pronti a precipitare dentro code vertiginose ("A Thimble's Worth"), imbastendo sofisticate dissertazioni strumentali nelle profondità tumultuose di innesti Neurosis su corpo Death ("By Which We're Cemented"), mentre partiture sempre più inestricabili vengono risolte in superbi bridge martellati e distruttivi ("In Vivid Monochrome") o in refrain come nebbiose ossessioni che colgono i massimalismi di Glenn Branca nel bel mezzo di apocalissi neozelandesi ("The Prospects Of Rejection").

Un disco di ascese trionfali e picchiate tragiche, in cui urla disperate e schegge di luce salvifica convivono in un flusso sonoro magmatico e tetragono, tra riff che assomigliano a squassi atomici ("Momentary Senses") e siderali crescendo armonici che sfociano in torrenziali invettive: "Do you really think we're special?/ When was the last time the sun orbited the earth?/ Explain that there is something different between the make-up of all these bones/ We breath, they breath, we eat, they eat, and I think this divide has passed the point of no return/ And what we're left with is an inept mass who thinks little and buys the absurd", così canta Bussanick nella drammatica coda di "Fossil Record", uno dei momenti più emozionanti dell'opera, degno delle pagine più intense di Chuck Schuldiner.

Musica immersa e lavata tra le onde tumultuose di un'esistenza "negativa", per cui non lontane appaiono le stesse demolizioni claustrofobiche e traumatiche dei concittadini Sonic Youth (magari filtrate dalla lente, geometrica e maestosa, dei fin troppo sottovalutati Brutality), anche quando il trio fronteggia le crudeli sublimazioni spazzcore di "Summary" (ascoltate la coda, giusto per gradire...) o, ancora, quando continua a pisciare sangue in "As If I Bathed In Excellence", chiuso da un allungo finale che è totalizzante come un orgasmo da ubriachi.

(08/06/2012)

  • Tracklist
  1. A Thimble's Worth
  2. The Prospects Of Rejection
  3. By Which We're Cemented
  4. In Vivid Monochrome
  5. Momentary Senses
  6. Fossil Record
  7. Summary
  8. As If I Bathed In Excellence
Flourishing su OndaRock
Recensioni

FLOURISHING

Intersubjectivity

(2012 - The Path Less Traveled Records)
Il trio newyorkese radicalizza il suo approccio, alla ricerca di un sound pił atmosferico

Flourishing on web