Social Distortion

Hard Times and Nursery Rhymes

2011 (Epitaph) | punk-rock, alt-rock

Continua il matrimonio tra punk melodico e rock classico dei Social Distortion, storica band californiana guidata del ribelle Mike Ness. “Hard Times and Nursery Rhymes” arriva a sette anni di distanza dal precedente “Sex, Love And Rock'n'Roll” e mostra una band affiatata, capace di numeri convincenti, anche se privi di particolari novità. Del resto, a Ness interessa poco allontanarsi dalle sue radici. Dopo lo strumentale introduttivo di “Road Zombie”, si passa, così, dal boogie in blues di “California (Hustle And Flow)”, docilmente rude e chiassoso, agli Rem di “Document” idealizzati in “Far Side Of Nowhere”, dal piglio giovanilistico mediato dall’esperienza di “Gimme The Sweet And Lowdown”, all’epos “tirato” del singolo “Machine Gun Blues”, ritrovando l’urgenza punk in “Alone And Forsaken”. Non mancano, poi, quelle ballate fatte per cuori spezzati, ma condite con la ruggine (“Bakersfield” e “Writing On The Wall”, che si riallacciano a quanto fatto dal leader nei suoi dischi solisti). Insomma, sono ancora vivi e sopravviveranno. Senza strattoni, senza rivoluzioni, rudi e puri (“Still Alive”).


(12/01/2011)

  • Tracklist
1. Road Zombie
2. California (Hustle And Flow)
3. Gimme The Sweet And Lowdown
4. Diamond In The Rough
5. Machine Gun Blues
6. Bakersfield
7. Far Side Of Nowhere
8. Alone And Forsaken
9. Writing On The Wall
10. Can't Take It With You
11. Still Alive

Social Distortion on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.