Steve Hauschildt

Sequitur

2012 (Kranky) | neo-kosmische, synth-ambient

Sono trascorsi pochi mesi dall'uscita di “Just To Feel Anything” degli Emeralds, per chi scrive uno dei dischi più straordinari della scena elettronica contemporanea e la prova più rappresentativa di questo 2012 in ambito elettronico. Come loro solito, i tre membri del gruppo non sembrano certo intenzionati a staccare la spina o godersi la standing ovation ricevuta in simultanea da fan e critica: se Elliott si è già rimesso dietro il banco della Spectrum Spools e McGuire si appresta a pubblicare l'ennesima coppia di audiocassette in edizione limitata, il più schivo e timido Steve Hauschildt fa ritorno a casa Kranky per il suo terzo album solista.

Dal successore di un gioiello come “Tragedy & Geometry” non si poteva certo pretendere un bis, e dunque non sorprende affatto che questa sua nuova fatica rinneghi sin dalle prime note quell'esperienza, preferendo distendersi comodamente su quelle trame melodico-sintetiche già protagoniste del capolavoro partorito al fianco dei due “soci”. Ma altrettanto scorretto sarebbe volerlo identificare come una brutta copia di quest'ultimo: piuttosto, “Sequitur” può essere visto come un fratello minore, un contenitore per tutte quelle idee concepite da Hauscildt per il lavoro degli Emeralds ma costrette a restare giocoforza nel cassetto, nonostante una natura ben lontana da quella di sterili b-side.

I punti di riferimento restano in ogni caso le esperienze post-cosmiche, espresse in maniera superba nei docili languori della title track e nell'omaggio a Klaus Schulze (a suon di Moog e sequencer) della nostalgica “Vegas Mode”. La carica emotiva è tratto imprescindibile di questi otto ritratti elettronici: quando essa si abbassa, ne escono autentiche pop-song strumentali, come “Interconnected” (Ray Lynch docet) e “Accelerated Yearning”, vicina ai risultati migliori dei Tangerine Dream cinematografici. In un paio di occasioni Hauscildt prova anche ad addentrarsi in sentieri “alternativi”, come l'elettro-pop à-la-Air (“Constant Reminders”) e le distese analogico-romantiche in stile Oneothrix Point Never (“Mixed Messages”): nel primo caso la personificazione è quantomai goffa e forzata, mentre nel secondo l'assenza di bagliori non impedisce un ascolto piacevole.
A riportare il disco sui livelli che gli competono ci pensano però le due magiche perle poste in conclusione: le armoniche di “Kept” formano una delle distese ambientali più riuscite dai tempi dei primi Emeralds, mentre i dolci sussurri su battito sognante di “Steep Decline” chiudono sfumando in un caldo abbraccio.

Nei suoi giochi di luci e ombre e nel suo carattere prettamente intimo, “Sequitur” appare in tutto e per tutto come una sosta dopo una corsa faticosa ma estremamente produttiva. Se il precedente “Tragedy & Geometry” suonava un concentrato delle peculiarità stilistiche di Hauschildt, questo suo successore è un lavoro quantomai spontaneo e disimpegnato, composto per sé stesso prima ancora che per qualsiasi esigenza esteriore. A voler cercare un difetto ci si potrebbe appellare alla sostanziale mancanza di nuove idee, e al fallimento dell'unico tentativo di allontanarsi dalla “routine”, che non impediscono al tutto di risultare ugualmente accattivante e persuasivo.

(22/11/2012)

  • Tracklist
  1. Interconnected
  2. Accelerated Yearning
  3. Constant Reminders
  4. Sequitur
  5. Mixed Messages
  6. Vegas Mode
  7. Kept
  8. Steep Decline
Steve Hauschildt su OndaRock
Recensioni

STEVE HAUSCHILDT

Dissolvi

(2018 - Ghostly International)
Quinto album solista dell'ex-Emeralds, con varie collaborazioni di primo livello

STEVE HAUSCHILDT

Where All Is Field

(2015 - Kranky)
Momento sintetico e decisivo per la carriera dell'ex-Emeralds, qui al terzo disco su Kranky

STEVE HAUSCHILDT

S/H

(2013 - Editions Mego)
A young person's guide to Steve Hauschildt

News
Steve Hauschildt on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.