AA.VV.

Il coraggio di essere suonati

2013 (Autoprodotto) | hardcore, punk, alternative

È difficile per me amare i tributi. Di solito sono opere nate da una nostalgia trafitta dal marketing, nata dalla necessità di raschiare il barile di un ricordo, di una memoria collettiva che si sta tristemente opacizzando. 

Questo tributo creato, sudato e amato dai ragazzi di Impattosonoro.it, è una meravigliosa e coraggiosa eccezione.
Prima di tutto perché hanno scelto una band, i Laghetto, che per gusto underground, per etica, per scelta musicale, è sempre stata ai bordi della comunicazione, all’interno di una cultura, quella dei centri sociali, dei concerti punk-hardcore, dei festival DIY, che ha resistito a una contaminazione plastica della propria identità.




Dietro a questo progetto completamente free, scaricabile gratuitamente dal bandcamp della webzine, si è radunato un panorama incredibile della scena indipendente e alternativa italiana. 
Progetti musicali dal gusto trasversale: post-industrial, noise, indie-rock, punk-rock, hip-hop, electro etc. che hanno preso le canzoni del gruppo bolognese traducendole nella loro veste, nella loro visione-interpretazione.
 Devianze che partono e si ramificano continuamente lungo il percorso tortuoso e appassionato di un tributo diviso in due anime, una negativa, bavosa e anfetaminica: “Cresta” e una più cerebrale, melodicamente orientata, sfumata a colori più onirici: “Pipa”.



Partiamo dall’odio: l’"Ovo Pera" di Bruno Dorella e Stefania Pedretti è un calderone rituale pagano percussivo, che si incastra rabbiosamente con la strumentale “Gioele stai attento” degli Zeus!, un ebefrenico caos paranoico avant-punk-noise. Bologna Violenta insieme a Johnny Mox trova occasione per scavare dentro i meandri più lerci di un rock rumoroso, poco grind come ci aspetteremmo da Manzan, ma degno di intitolarsi “Proud Of My Pappagorgia”; di pari passo, non possiamo tralasciare il trittico “Amaritudinis (Il Mostro)”, suddiviso in tre movimenti, assegnati all’hardcore di Shizune e Il Buio e al crime jazz dei romani Macelleria Mobile di Mezzanotte. 
Il magma sonoro creato da queste tre band è ammirabile, capace di suscitare note violente di eccitazione iconoclasta, per poi lasciarsi cadere, morente e nero, dentro fumi soffusi di una decadenza omicida.
Gli altri act del disco come Fratelli Calafuria, Inferno Sci Fi con Lili Refrain, Agatha etc sono nuovi specchi rotti, taglienti, capaci di rubare la scintilla anarchica e satirica delle composizioni orginali, senza mai tradire un senso di plagio o di spersonalizzazione.



“Pipa”, al contrario di “Cresta”, mostra un movimento più cerebrale, strutturato secondo una pesantezza diversa delle parole. L’hip-hop dai beat industriali degli Uochi Toki disegna ne “Il sospiro della specie” l’ansia psicologica di una vita burocratizzata e ritmicamente disumanizzante, mentre i Majakovich masticano lentamente (per poi sputare) un rock teatrale e rumoroso in “Ross”. Un palcoscenico su cui, poco dopo, si imbastirà il trittico senza respiro di “Canzone per Antonio Masa- Per un’estinzione ecosostenibile-La mano senza dita”, tradotto nuovamente dall’indie-rock epilettico dei Luminal, il noise punk degli Asino e il post-rock letterario dei Chambers; sarà necessario aspettare la destrutturazione onirica degli elettronici Klippa Kloppa per una visione dai colori più accesi e morbidi, ma non meno drogata.

Parole, rumore, un’attitudine trasversale e ironica: elementi fondanti dei Laghetto e tratti somatici di un tributo nato e sviluppato dentro una placenta calda. Un buon punto di partenza per chi non li avesse che sfiorati nei suoi ascolti (per poi passare all’ottima antologia quadrupla “Il Coraggio di Non Suonare”) e per scoprire le tante e spesso misconosciute radici che collegano il nostro sottosuolo musicale.

(18/02/2013)

  • Tracklist
CRESTA

  1. Inferno sci-fi grind'n'roll vs Lili refrain - Il conguaglio
  2. OvO - OvO Pera
  3. Zeus! - Gioele stai attento
  4. Lleroy - Buca a Pi
  5. Fratelli Calafuria - Hey:Yeh (Palindrome song)
  6. Bologna Violenta vs Johnny Mox - Proud of my pappagorgia
  7. O - Lebbra Is The Reason
  8. Agatha – (Zucca).
  9. Last Minute To Jaffna - Avril Lavigne
  10. Heisenberg – Sverniciatore
  11. Testadeporcu – Piovo
  12. Shizune - Amaritudinis (il Mostro)- I movimento
  13. Il Buio - Amaritudinis (il Mostro)- III movimento
  14. Macelleria Mobile di Mezzanotte - Amaritudinis (il Mostro)- IV movimento
  15. Franz Rosati - La terza volta che incontrai il presidente dello SpaceLab
  16. Marnero - Porgi la guancia di un altro


PIPA

  1. Uochi Toki - Il sospiro della specie
  2. Fast Animals and Slow Kids - Uomo Pera
  3. Majakovich – Ross
  4. Luminal - Canzone per Antonio Masa
  5. Asino - Per un'estinzione umana ecosostenibile
  6. Chambers - La Mano Senza Dita
  7. Fabio Valente feat Noir - L'odore dei pomeriggi (quando li butti via)
  8. Magic Crashed - Eterno+Immutabile/Nuovo Corso
  9. Carver - Amaritudinis (il Mostro)- I movimento
  10. Klippa Kloppa - Requiem for CB
  11. Girless & The Orphan - Robi Dalbosco Libero
  12. Everest The Big Mountain - Devoured By Colapesce
  13. Atomik Clocks - Obi wan kenobi (Obi jazz kenobi)
  14. Cayman The Animal - Il coraggio di non suonare
  15. Us - Piovo
AA.VV. on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.