Zeus!

Opera

2013 (Tannen / Offset / Santeria) | avant-noise

Parte con una traccia intitolata "Lucy In The Sky With King Diamond", non so se ci siamo spiegati. Ma tutta l'opera in questione sa di colossale presa per il naso. Un cervello nero piazzato in copertina, Zeus! scritto rigorosamente con il punto esclamativo, il titolo "Opera" sul retro con lo stesso font degli Area, titoli come "Decomposition N. !!!", oppure "Bach To The Future". Non ci fosse scritto nero su bianco che gli Zeus! sono Luca Cavina al basso e Paolo Mongardi alla batteria, si potrebbe pensare a un passatempo noise-punk di qualcuno degli Elii, un po' come si ipotizzò a suo tempo per Frank Zappa nei Residents. Ma c'è da capirli. Provate voi a essere depositari di uno dei progetti più violenti e lucidi presenti in Italia, e vedere di mese in mese gli Lcd Soundsystem o i Justice sulle copertine dei giornali specializzati in musica rumorosa. E' tutto uno scherzo. Allora gli Zeus!, che ironici e autoironici lo sono sempre stati, stanno al gioco. 

Non ci soffermiamo su gli illustri side-project degli scapestrati in questione, oramai arcinoti ai più, e pensiamo alla musica. "Opera", secondo capitolo della saga Zeus! che ha già ottenuto con merito una distribuzione Rough Trade, suona come qualcosa di simile ai Primus remixati dai Fantômas e suonato in reverse dagli Anal Cunt in un casolare in aperta campagna. Assurdo, direte. Esatto. In "Sick And Destroy" la voce del genio folle dell'hardcore californiano, Justin Pearson, rimbalza in un minuto e venticinque di suono impenetrabile, colorando di Retox l'intero umore del disco. Da sola, questa traccia, vale la candela.
Ma non c'è solo asfissiante isteria sonora. Ecco così comparire il theremin dell'immenso Vincenzo Vasi nella succitata "Lucy In The Sky With King Diamond" e in "Eroica", due dei momenti più marcatamente kraut-space-rock del disco. Nicola Ratti, già compagno d'avventura di Mongardi nei Ronin, invece fa capolino su "La Morte Young" e "Giorgio Gaslini is Our Tom Araya". Ne viene fuori una samba psicotica, prima, e una macumba bantu dopo. No, aspettate, forse è più esatto il contrario. Blast But Not Liszt, anche "Set Panzer To Rock", futura nuova apocalisse dal vivo, e "Beelzebulb", che suona come i Grime a colazione da Angelo Badalamenti.

In "Opera" Luca e Paolo (ops!) ritornano a essere soli, semplice duo che si occupa solo di assemblare tutti gli ingranaggi a loro disposizione. Sputando olio, bile, ironia, liquido amniotico e sperma. Ne nascono così altre undici strutture sonore dotate di straordinaria forza. Del resto, quando si possiede la forza delle idee ci vuole poco per fare centro: poco più di mezz'ora di musica che, una volta tanto, ha un senso.

(14/02/2013)

  • Tracklist
  1. Lucy In The Sky With King Diamond
  2. Sick And Destroy
  3. Decomposition N. !!!
  4. Set Panzer To Rock
  5. Beelzebulb
  6. La Morte Young
  7. Giorgio Gaslini Is Our Tom Araya
  8. Bach To The Future
  9. Erotica
  10. Grey Cerebration
  11. Blast But Not Liszt


Zeus! su OndaRock
Recensioni

ZEUS!

Motomonotono

(2015 - ThreeOneG)
Terza prova per lo scafato duo italico hardcore-noise

ZEUS!

Zeus!

(2010 - Venus)
Il nuovo progetto noise-punk del bassista dei Calibro 35 e dell'ex batterista dei Jennifer Gentle ..

Live Report
Zeus! on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.