Akron/Family

Sub Verses

2013 (Dead Oceans) | psych-folk-rock

Ryan Vanderhoof è un ragazzo dell'Oregon che dal 2002 al 2007 ha militato nella barbuta combriccola denominata Akron/Family. Dopo il 2007 è diventato, a sua insaputa o meno, l'uomo-simbolo del declino della band amica di Michael Gira. Andato via lui, i restanti tre freak hanno messo a dura prova sia la critica che i fan. Per assorbire il trauma dell'abbandono gli ci sono voluti infatti tre album in studio (più un live e una limited edition), cambiando e ricambiando costantemente pelle.
Ora di Ryan non si hanno più notizie da un po', c'è chi dice dia lezioni private di chitarra in California, ma ce lo immaginiamo, presumibilmente sorpreso, intento ad ascoltare le note che provengono da questo settimo disco della sua ex "famiglia". Visto il materiale proposto poi, non ci stupiremmo se nel mezzo ci trovasse qualche messaggio subliminale a lui rivolto.

Già un messaggio (e neanche subliminale) di sicuro gli arriverà dalla veste grafica. A cura di Stephen O'Malley, ricorda a suo modo "Meddle" dei Pink Floyd. E anche l'idea complessiva non si distanzia molto dall'orecchio degli inglesi. Laddove infatti nel precedente lavoro i rimandi psichedelici à-la Flaming Lips flirtavano con gli stra-abusati Animal Collective; e sul mediocre "Set "Em Wild, Set 'Em Free" i rimandi sonici arrivavano al primissimo Bruce Springsteen o ai Vampire Weekend, ora come ora "Sub-Verses" suona come il migliore ricordo degli Akron/Family che ci portavamo in valigia. Riassemblato, cotto bene con nuovi ingredienti, messo insieme con passione e originalità più che con la voglia di piacere un po' a tutti. Il tutto, un'altra volta.

Forse è per questo non passano neanche quattro canzoni (su dieci complessive, tutte di durata superiore ai quattro minuti, esclusa "Sand Time"), e la sensazione complessiva è di una resettata quasi totale al proprio modus operandi. Stringendo le viti weird-folk e della psichedelia (a tratti anche à-la Brian Jonestown Massacre), abbattendo ruffianate da villaggio-vacanze e concentrando più sabba lisergici in piccoli spazi.
In un certo senso sembra proprio di sentire una versione noir e meno autoindulgente dei precedenti dischi; ad esempio, in un brano come "Way Up", con quegli intrecci vocali irresistibili e aperture afro in palese contrasto con la conclusione noise dell'opener "No-Room"; o in roba come "Sand Talk", con il suo freakbeat-jazzcore in libera scorribanda. O ancora nella destrutturata e sinistra "Sometimes I".
Dall'altro non si vuole rinunciare ad aperture snob-pop nella sfumatura meno interessante dell'etimo: "Until The Morning" e "When I Was Young" sono sterile manierismo come se ne sente a iosa ogni mese (e con un testo insulso); "Holy Boredoms" riesuma in pochi minuti il peggio del tribalismo dubstep in salsa rock-influenced ora in circolazione. Tante volte qualcuno ci cascasse", insomma.

Dal rendez vous con "Sub-Verses" però se ne esce, comunque, meglio che da altri solchi firmati di recente dagli Akron/Family. Che questi cinquanta minuti e cinque secondi siano l'inizio di una rinascita oppure no.

(24/03/2013)

  • Tracklist
  1. No-Room
  2. Way Up
  3. Until the Morning
  4. Sand Talk
  5. Sometimes I
  6. Holy Boredom
  7. Sand Time
  8. Whole World is Watching
  9. When I Was Young
  10. Samurai
Akron / Family su OndaRock
Recensioni

AKRON / FAMILY

Love Is Simple

(2007 - Young God)
Il gioioso, epico e bruciante inno all'amore dei figliocci di Michael Gira

Akron/Family on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.