Thou

Heathen

2014 (Gilead Media) | sludge-doom metal

Una ventina (!) di lavori dal 2007 ad oggi, tra Lp, Ep e un numero spropositato di split-album per questa compagine della Lousiana, da sempre fedele al verbo sludge-doom. Combinando il gusto per la melodia di “Summit” e la cupa magniloquenza di “Peasant” e dell’esordio “Tyrant”, questo quarto lavoro sulla lunga distanza si apre con una lunga, pensosa introduzione, prima di esplodere con una fiammata fatta di distorsioni titaniche, urla fiammeggianti e linee di basso che fanno tremare le pareti. Da qui in avanti, “Free Will” è un vero e proprio esercizio di auto-flagellazione, appena blandito dall’interludio acustico di “Dawn” (insieme a “Take Off Your Skin And Dance In Your Bones” – titolo bellissimo! – l’unico momento di distensione del disco), prima di essere ripreso e approfondito nelle trame rocciose e disturbanti di “Feral Faun” che, anche grazie a versi quali “We have been recruited in blood/ And the blood sings”, chiarisce la poetica di fondo di un disco straziante eppure capace di generare un urto emotivo complessivamente rigenerante.

Un grande lavoro di chitarra (Matthew Thudium e Andy Gibbs) contraddistingue, dunque, “Into The Marshlands” e l’immensità si staglia lentamente dinanzi ai nostri occhi, mentre si ascoltano le declamazioni dolenti e pantagrueliche di “At The Foot Of Mount Driskill”, attraversata da gelide decantazioni post-rock. Demoniaca e stordente, “In Defiance Of The Sages” è, dal canto suo, l’ennesima operazione di imbastardimento e potenziamento del mitologema Black Sabbath, mentre un po’ tutte le tendenze stilistiche della band sembrano riunirsi sotto la cupola di “Immorality Dictates”, che passa da panoramiche ambientali a vocalizzi angelici, da squarci melodici che sembrano citare al ralenti gli Alan Parsons Project di “Sirius” a ruvide pennellate black-metal in un vortice sonoro sempre più tormentato. Ma è un tormento assediato da uno spleen abbacinante, come quello che circonda, in coda, la ciclopica ma più scontata “Ode To Physical Pain”, l’ultimo lungo vagito di un disco non sempre facile da ascoltare, data la sua mole, ma comunque ricco di momenti veramente esaltanti.

(17/04/2014)

  • Tracklist
  1. Free Will
  2. Dawn
  3. Feral Faun
  4. Into the Marshlands
  5. Clarity
  6. At the Foot of Mount Driskill
  7. In Defiance of the Sages
  8. Take Off Your Skin and Dance in Your Bones
  9. Immorality Dictates
  10. Ode to Physical Pain
Thou & The Body su OndaRock
Recensioni

THOU & THE BODY

You, Whom I Have Always Hated

(2015 - Thrill Jockey)
Due delle più interessanti realtà dello sludge-doom rinnovano la collaborazione

Thou on web