Today Is The Day

Animal Mother

2014 (Southern Lord) | sludge-metal, postcore, noisecore

Anche se l’ultima prova non era stata all’altezza della sua storia, Steve Austin ci mancava e non poco. Non che l’uomo debba dimostrarci ancora qualcosa, ma il fatto è che, di tanto in tanto, bisogna pur ritornare sui maestri che ci hanno insegnato ad apprezzare il dolore, l’angoscia e l’esaltazione stordente nel bel mezzo di una musica che, in alcuni momenti – sto pensando all’inarrivabile “Sadness Will Prevail” – si è trasformata nella perfetta colonna sonora di un’umanità sull’orlo del collasso.

Con “Animal Mother”, Steve si riappropria in tutto e per tutto della sua creatura, laddove per “Pain Is Warning” (non a caso il disco peggiore della sua storia, almeno fino a questo momento) si era affidato al comunque quotatissimo Kurt Ballou. Ma il fatto è che i Today Is The Day sono una questione privata, troppo privata. Certo, durante gli anni, Steve si è circondato di tantissimi musicisti (a questo giro, sono della partita il bassista Sean Conkling e il batterista Jeff Lohrber, con Marc Ablasou a dare giusto qualche tocco di elettronica in un paio di brani), ma il pallino del gioco è sempre stato nelle sue mani. Questo disco lo ha costruito con cura e, prima che arrivasse nei negozi, Steve si è spinto addirittura a sostenere che si tratta della sua opera migliore. Massimo rispetto, ma su questo non posso convenire. Assolutamente. Sono d’accordo, invece, quando si dice che si tratta di un ritorno all’energia e alla violenza di dischi quali “Temple Of The Morning Star” e “In The Eyes Of God” (la title track, all’inizio, parla chiaro, con le sue sinistre introspezioni miste a scariche noisecore/grind), ma, suvvia!, le vette di quelle opere restano lontane.

Per cui, si dica anche, senza mezzi termini, che “Anima Mother” è un disco onesto, suonato con sincera passione, fatto di canzoni belle toste, ma è soprattutto quello che un fan si aspetta per ricaricare le batterie dopo la delusione del disco precedente. Solo che, poi, quelle batterie si riscaricano e, allora, per evitare di fare avanti e indietro, si finisce sempre per riandare con la mente e con il cuore ai bei tempi andati… Si diceva, comunque, del ritorno in auge dell’heavyness e della violenza, una violenza, non lo si dimentichi, sempre controllata, “ragionata”, mai fine a se stessa. Nei quattordici capitoli del disco, questi Today Is The Day ci conducono, quindi, lungo progressioni in upbeat (“Sick Of Your Mouth”), si scaldano con lo sludge matematico di “Masada” e “Heathen” o con lo stoner vigoroso di “Godcrutch”, mentre Steve deforma la voce con l’high-pitch, aggredendoci con sferzanti scansioni Black Sabbath, oppure proietta le sue truci visioni verso dimensioni spacedeliche (“The Last Strand”).

Un bel sentire, per carità, soprattutto quando il confronto è con i Melvins di “Zodiac”, la cui cover chiude la versione in vinile dell'opera. Poi, però, ti accorgi che in questo mucchio selvaggio le ballate acustiche di “Outlaw” (verso la fine del disco, se ne ascolta anche la variante truculenta) e “Bloodwood” ci stanno bene come i cavoli a merenda. E, allora, o ci si accontenta oppure si dia pure inizio al conto alla rovescia per il prossimo disco.

(26/11/2014)

  • Tracklist
  1. Animal Mother
  2. Discipline
  3. Sick Of your Mouth
  4. Imperfection
  5. Law Of The Universe
  6. Outlaw (Acoustic)
  7. GodCrutch
  8. Divine Reward
  9. Masada
  10. Heathen
  11. Mystic
  12. The Last Strand
  13. Outlaw
  14. Bloodwood
  15. Zodiac
Today Is The Day su OndaRock
Recensioni

TODAY IS THE DAY

Pain Is A Warning

(2011 - Black Market Activities)
Prodotto da Kurt Ballou dei Converge, il disco meno riuscito della storica creatura di Steve Austin

TODAY IS THE DAY

Axis Of Eden

(2007 - Supernova Records)
L'atteso ritorno del "reverendo" Steve Austin, tra passato e presente, in cerca del futuro ..

News
Live Report
Today Is The Day on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.