Martijn Comes

Tradition Noise

2015 (Silent Howl) | electro

Forte delle vaste divagazioni dance-cosmiche di “Infinite Spaces And Beyond” (cui ha seguito l’appendice “Wolf Ep”, 2015), l’olandese Martijn Comes dà, con “Tradition Noise”, il suo assaggio d’arte intelligentemente irrazionale.

Subito “Depths Of The Nile” costruisce una danza etnico-futuristica a partire da loop in sormonto (che tendono ad andare in cortocircuito di radioworks). Il minimalismo elettronico di Terry Riley assiste lo svolgimento di “Empty City Of The Full Moon”, ma usato come lattice, come anti-materia che si contrae, espande e infine trasfigura in una festa pirotecnica di toni allucinati.

Comes approfondisce questa ricerca soprattutto in “The Forgotten Purpose”, ben più informe e quasi puerile, una musica casuale che si accende di morsi e strappi elettronici, con ogni bendidio preso da musique concrete, noise e industrial. E in “Dubai Airways” assorbe in progressione un muro di armonici vocali aborigeni-androidi in un buco nero di percussioni e dissonanze. Molto più sorniona e lineare (e un filino autoreferenziale) è “Wayward Exotism”, tensione ipnoticamente snervante di macchine e rotori.
Ai margini, perché appena più centrate sul ritmo e meno sull’elucubrazione, stanno le percussioni che si srotolano a cateratta in “Sinai Desert”, spazzate via da un tifone distorto che porta con sé una preghiera straziata, e il club-jazz jungle di “Old Morocco”, conteso tra iconoclastia cyber-punk e filologia etno-folk.

Con due mash-up in allegato, a cura di Chad Mossholder (“City Of The Full Moon”) e Daniel Ruane (“Desert Of The Nile”), è un disco di distinta avanguardia, raffinata, ricercata e poi esplosiva, ispirato e irrorato dalla descrizione del Medio Oriente, da cui prende la sua indomita tecnica mista (plunderphonia, registrazioni sul campo, found sound, strumentazione acustica assortita). Alto ritmo, poche sbavature. Se ci si connette con la realtà coeva, c’è anche qualche spazio per la riflessione.

(16/01/2016)

  • Tracklist
  1. Depths Of The Nile
  2. Sinai Desert
  3. Empty City Of The Full Moon
  4. Old Morocco
  5. The Forgotten Purpose
  6. Wayward Exotism
  7. Preveli Beach
  8. Dubai Airways
Martijn Comes su OndaRock
Recensioni

MARTIJN COMES

Interrogation Of The Crystalline Sublime

(2017 - Moving Furniture)
Svolta di retroguardia per il compositore olandese

MARTIJN COMES

Infinite Spaces And Beyond

(2014 - IoSound)
Il trip insistente, complesso ed eterno del sound artist olandese

Martijn Comes on web