Soft Hills

Cle Elum

2015 (Black Spring) | alt-folk, psych-folk

Pubblicare un disco di demo casalinghe dopo un anno dall’uscita ufficiale come band, riproponendo nell’artwork lo stile degli esordi: sembra troppo brutto per essere vero. E invece è tanto vero quanto bello e ispirato, questo “Cle Elum”, una raccolta di canzoni registrate in casa da Garrett Hobba tra il 2009 e il 2014, che mostra qui tutto il suo talento cantautorale.
Anzi, forse questa pubblicazione, minimalista per caso o per scelta, che suona quasi come accessoria al “vero” disco dell’anno scorso, non rende del tutto giustizia a un contenuto che non ha nulla da invidiare al più prodotto e dinamico “Departure” e che riporta alla mente le atmosfere magiche di “Noruz”.

Uno stile che sembrava abbandonato con quell'ultimo disco, più vicino al nuovo folk-rock dei Midlake del resto della loro discografia, mentre in “Cle Elum” i Soft Hills, nel ricordare America e CSN&Y, sembrano anche più personali e consapevoli (“Gold Leaves”). Le interpretazioni di Hobba sono struggenti, in grado di solcare l’anima sulla spinta di pochi arpeggi risuonanti, arrivando a ricordare i Red House Painters in “In The Cool Breath Of Morning”.
A volte la scrittura si fa più nevrotica e impressionistica, come nel motivetto “indie” di “Sing A Song Nobody Knows”, in altre ci si avvicina agli stilemi psych-folk liturgici degli Arborea (“Into The Lately”), altre volte si ricorda il chamber-folk di “Noruz” (la bella “The Mess You’re In”), ma è in “San Pablo Bay” che si trova il capolavoro, un pezzo che potrebbe essere scritto da Brian Wilson per David Crosby.

Insomma, è bello sapere che i Soft Hills mettono ancora in primo piano la scrittura musicale, non avendo paura di pubblicare un disco scarnificato come questo. 

(27/05/2015)

  • Tracklist
  1. Temple Of Heavan
  2. San Pablo Bay
  3. Gold Leaves
  4. My Lucky Pal
  5. The Mess You're In
  6. Into The Lately
  7. Skeleton Key (Return To Earth)
  8. Feathers
  9. Singing A Song Nobody Knows
  10. In The Cool Breath Of Morning
  11. It's A Perfect Day
  12. Transient Hotels
Soft Hills su OndaRock
Recensioni

SOFT HILLS

Go Under

(2016 - Self-released)
Torna la band di Garrett Hobba, più spiccatamente in orbita Radiohead

THE SOFT HILLS

Departure

(2014 - Tapete)
La nuova prova di Garrett Hobba, ormai un marchio di garanzia

Soft Hills sul web