Tess Parks And Anton Newcombe

I Declare Nothing

2015 (A Recording) | psych-pop, shoegaze

L’idea è stimolante: Anton Newcombe e la nuova protetta di Alan Mc Gee giocano con la psichedelia e il post-Velvet Underground alla ricerca di quella magia mitteleuropea che sembra aver contagiato il leader dei Brian Jonestown Massacre da quando ha messo sede a Berlino.

Tess Parks è nata a Toronto, ha all’attivo un esordio targato 2013 ed è in possesso di un timbro vocale che è geneticamente derivato da quello di Courtney Love o Hope Sandoval, ma meno espressivo, a volte rasposo o gutturale, ma comunque mai particolarmente originale e convincente.
Visetto da ragazza vissuta, ma non troppo, alone misterioso da donna maledetta e trasgressiva, ma non troppo, autrice intelligente e ispirata, ma non troppo, Tess Parks ha abbozzato dieci tormentati racconti di esperienze lisergiche e mal de vivre, offrendoli a Anton Newcombe affinché li rivestisse della sua solita mistura di shoegaze e pop psichedelico.

Purtroppo viene da chiedersi cosa ci sia oltre il piacevole effetto deja-vu in un album come “I Declare Nothing”? Sicuramente un buon distillato di emozioni residue di Mazzy Star e qualsiasi altra band del catalogo Creation, accordi in slow-motion che passano dall’ipnotico alla noia, melodie mai memorabili e soprattutto tanto mestiere.
Newcombe continua a esplorare nuovi fronti e dopo la non del tutto riuscita colonna sonora immaginaria, con Tess Parks compie un passo falso, sovrastando anche la personalità della musicista e quindi costringendo all’oblio il tutto.

Non mancano momenti di puro intrattenimento, come “Cocaine Cat", una ballad ricca di atmosfera condita da un'ipnosi elettroacustica che getta un ponte tra Brooklyn e Parigi; o “Meliorist”, una delle canzoni più ricche di verve nonostante la spudorata citazione di “Fever”.
Sul versante più acid-psych “German Tangerine” offre una struttura solida e un suono piacevolmente malsano, mentre “October 2nd” mette insieme i primi Tangerine Dream e i Mazzy Star senza suonare pretenziosa.

Infine, “I Declare Nothing”, nonostante resti piacevole e abbia dei buoni punti di riferimento stilistico, non riesce a elevarsi dalla mediocrità, con la voce di Parks che sembra più annoiata e distratta che poetica e maledetta. Newcombe non ha sprecato le sue idee migliori, preservandole forse per un futuro progetto BJM, e pur se il brio acustico di “Mama” fa ben sperare, la banalità di episodi come “Peace Defrost” e “Gone” toglie ogni dubbio sulla reale consistenza del progetto.

(16/09/2015)



  • Tracklist
  1. Wehmut
  2. Cocaine Cat
  3. Peace Defrost
  4. German Tangerine
  5. Gone
  6. October 2nd
  7. Mama
  8. Voyage De L’âme
  9. Meliorist
  10. Friendlies




Tess Parks And Anton Newcombe on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.