Brėghde Chaimbeul

The Reeling

2019 (River Lea) | folk

Registrato nelle Highland scozzesi, precisamente a Cromarty, “The Reeling” non è solo l’esordio della giovane musicista di Skye, Brighde Chaimbeul, ma uno degli album folk più affascinanti dell’anno in corso.
Pubblicato dalla River Lea e prodotto dal violinista dei Lau, Aidan O’Rouke, l’album della ventenne scozzese è una piacevole sorpresa. Un disco strumentale di scottish smallpipes (una piccola cornamusa a soffietto), che colpisce prima per la sorprendente semplicità e naturalezza, poi per i timbri e i toni delle sonorità, le quali sposano la modernità della drone-music, senza scivolare dalle mani della tradizione.

Registrato dal vivo in una chiesa, e privo di sovraincisioni, l’esordio di Brighde Chaimbeul sfiora l’avanguardia, prendendo spunto ora dal suono di un vecchio harmonium (“O Chiadain An Lo”), ora da un ritornello di musica popolare scovato in antiche e nobili collezioni private (“An Léimras / Harris Dance”).
E’ un flusso armonico che scorre impetuoso, quello di “The Reeling”, un suono che sembra modulato osservando le onde dell’acqua e gli argini polverosi dei fiumi, a volte incrociando canti bulgari (“Moma E Moma Rodila”, “Tornala Maika”) che aggiungono un ulteriore tocco gothic, incantando l’ascoltatore con ipnotiche melodie che inducono verso una trance liberatoria (“Mary Brennan's/The Reeling, The Reeling”).

Particolarmente interessante la presenza della ottantaduenne Rona Lightfoot, che oltre ad aver ispirato con la sua musica la giovane Brighde, offre all’interno dell’album delle suggestive performance vocali con la tecnica del canntaireachd, un canto fonetico strutturato sulle melodie delle smallpipes (“Tàladh Nan Cearc”, “Ruidhle Mo Nighean Donn”).
Con un repertorio stilisticamente versatile, messo insieme con pezzi selezionati tra vecchie canzoni gaeliche, brani bulgari, danze popolari e melodie estrapolate da archivi storici importanti, era lecito attendersi un patchwork etno-folk new age: nulla di tutto questo, l’esordio di Brighde Chaimbeul è un progetto temerario, musicalmente innovativo, un album che non conosce le barriere della musica folk e proietta il tutto verso un’entusiasmante forma di drone-music.

(10/11/2019)



  • Tracklist
  1. O Chiadain An Lo
  2. A Bhriogais Uallach / Nighean Donn Nan Gobhar
  3. Moma E Moma Rodila
  4. An Léimras / Harris Dance
  5. Tàladh Nan Cearc
  6. The Old Woman's Dance / The Skylark's Ascension
  7. Gur Bòidheach Nighean Donn Mo Chridhe
  8. Tornala Maika
  9. Tha 'N Oidhch' Ann 'S Dorch' Ann
  10. Mary Brennan's / The Reeling, The Reeling
  11. Ruidhle Mo Nighean Donn




Brėghde Chaimbeul on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.