Simon Joyner

Pocket Moon

2019 (BB*Island) | alt-folk, songwriter

“Pocket Moon” è uno di quei dischi che ripropone l’annoso dilemma della superficialità d’ascolto alla quale siamo costretti in questi tempi tempestosi e caotici. Con alle spalle una carriera trentennale e un buon numero di pregevoli album sulla scia di Bob Dylan, Townes Van Zandt e Leonard Cohen, Simon Joyner resta uno dei misteri del cantautorato americano. Un autore baciato dall’ispirazione e dalla coerenza, un outsider non per scelta ma per autentica inclinazione all’integrità artistica. Ed è da questa peculiarità espressiva che nasce il rapporto spesso conflittuale dell’ascoltatore con l’opera del musicista di Omaha. Ogni album di Joyner induce alla riflessione, alla profondità d’animo, all’annullamento dello scorrere del tempo: lussi che è sempre più difficile permettersi.

Dopo la sbornia political-rock-blues dell’ottimo “Step Into The Earthquake”, Joyner recupera il più tipico mood introspettivo, rinunciando al supporto di quei musicisti con i quali ha condiviso anni e anni di concerti e incisioni discografiche. Con l’aiuto di Michael Krassner ha infatti reclutato collaboratori con i quali non aveva mai lavorato, una scelta che gli ha permesso di calibrare le sonorità con un piglio nuovo che a tratti rimanda a Bill Callahan.
E’ un album compatto e solido, “Pocket Moon”. Il tono confidenziale è riflessivo e piacevolmente familiare, come novello chansonnier Joyner intona melodie cupe e grevi che pian piano si elevano verso una trascendenza spirituale incantevole: il violino sul finale di “Tongue Of A Child”, il crescendo emotivo di “You Never Know”.
A volte la malinconia è accarezzata da tempi ritmici più fluidi, generando canzoni dai toni cromatici policromi (“You’re Running Away, David”), fino a lambire una potenza sonora di rara bellezza (“Yellow Jacket Blues”).

Di fronte a un artista come Simon Joyner, lo strumento comparativo è superfluo: autenticità espressiva e talento sono ormai una costante, la produzione discografica dell’autore difficilmente cede il passo alla prevedibilità, ogni album è uno scrigno di tesori che ad ogni raggio di luce, anche fioca, emanano nuovi riflessi. Un miracolo poetico che trova la sua ragion d’essere nei piccoli capolavori che immancabilmente affiorano nel pur intenso insieme di canzoni.
Spetta a “Sean Foley’s Blues” lo scettro di “Pocket Moon”: cinque minuti e ventiquattro secondi che condensano tutta la malinconia ma anche l’energia della musica di Joyner, con una fluidità e una complessità armonica che lasciano senza fiato, conquistando un meritato posto tra le canzoni più belle dell’anno in corso.

(15/11/2019)



  • Tracklist
  1. You Never Know
  2. Blue Eyed Boy
  3. Tongue Of A Child
  4. You’re Running Away, David
  5. Morning Sun, Slow Down
  6. Yellow Jacket Blues
  7. Pocket Moon
  8. The Last Time I Saw You, Billy
  9. Sean Foley’s Blues
  10. Time Slows Down In Dreams
  11. Blue Lullaby




Simon Joyner su OndaRock
Recensioni

SIMON JOYNER

Step Into The Earthquake

(2017 - Shrimper)
Al quattordicesimo album, il cantautore del Nebraska si fa lucido testimone del suo tempo

SIMON JOYNER

Cowardly Traveller Pays His Toll (1994)

(2008 - Team Love)
L'amico ritrovato: la ristampa di un classico del cantautore di Omaha

Speciali

Simon Joyner on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.