Bent Arcana

Bent Arcana

2020 (Castle Face) | psych, kosmische, jazz

Impossibile soltanto pensare di poter ingabbiare la bulimia creativa che sgorga dalla mente di John Dwier. Un fiume in piena ricco di idee, e tutte prontamente concretizzate. La più recente è quella di riunire un ensemble di musicisti con un bagaglio tecnico non comune e lanciarsi in cinque giorni di lisergiche improvvisazioni aventi come temi portanti psichedelia cosmica e free jazz. Il riassunto dei momenti più esaltanti è contenuto nel primo capitolo della nuova saga Bent Arcana, nel quale l’ideologo dei Thee Oh Sees ha ospitato i synth modulari di Kyp Malone dei TV On The Radio, batteria e percussioni del turnista di lusso Ryan Sawyer, il basso di Peter Kerlin dei Sunwatchers, i sassofoni di Brad Caulkins e Joce Soubiran, le tastiere di Tom Dolas, la chitarra di Marcos Rodriguez, il violino di Laena “Geronimo” Myers-Ionita e le percussioni di Andres Renteria.

Ne sgorga un trip psych-jazz molto anni Settanta, interamente strumentale, con elementi kosmische-kraut, prog e fusion. Sembrerebbe l’introduzione a un’opera pesante e indigesta, ma Dwier ha il merito di selezionare i momenti salienti, sintetizzando i virtuosismi immersi nell’elettricità, rimasticati attraverso interferenze noise (“Misanthrope Gets Lunch”) e slanci interstellari in qualche modo contenuti in un formato canzone (“Outré Sorcellerie”).
Le lunghe jam session vengono riassunte nell’elegantissima “The Gate”, vera e propria porta d’ingresso verso il mondo Bent Arcana, e nel magnetico groove di “Oblivion Sigil”, le uniche due tracce che si spingono – senza mai annoiare - oltre i dieci minuti.

Per Dwier trattasi di una terapia di (super-)gruppo grazie alla quale può affidarsi all’estro di straordinari compagni di viaggio senza dover necessariamente indossare le vesti del leader carismatico. Un progetto free-form che riunisce idealmente Miles Davis e Sun Ra a Faust e Can, ma con in testa le peripezie di Mahavishnu Orchestra e Weather Report, senza mai la pretesa di porsi in competizione con la smisurata e inarrivabile grandezza degli originali presi come riferimento. Il primo capitolo di stimolanti ipotesi astrali: restiamo in attesa di news su eventuali sviluppi futuri.

(05/09/2020)

  • Tracklist
  1. The Gate
  2. Outré Sorcellerie
  3. Misanthrope Gets Lunch
  4. Mimi
  5. Oblivion Sigil
  6. Sprites
Osees su OndaRock
Recensioni

OSEES

Protean Threat

(2020 - Castle Face)
Il progetto di John Dwyer allarga gli orizzonti rimanendo uguale a se stesso

OH SEES

Face Stabber

(2019 - Castle Face)
Il torrenziale psych-rock della band californiana in ottanta minuti che confermano un'invidiabile continuità ..

THEE OH SEES

Smote Reverser

(2018 - Castle Face)
Sempre più libera e guizzante, la band di John Dwyer regala un degno successore a "Orc"

OH SEES

Orc

(2017 - Castle Face)
La band californiana perde l'articolo ma non il vizio

OCS

Memory Of A Cut Off Head

(2017 - Castle Face)
Arcadica digressione folk per la bestia di John Dwyer

THEE OH SEES

A Weird Exits

(2016 - Castle Face)
La band californiana prosegue il proprio viaggio, approdando in territori motorik

THEE OH SEES

An Odd Entrances

(2016 - Castle Face)
Il gemello eterozigote di "A Weird Exit", esercizio marginale in consolidamento

THEE OH SEES

Mutilator Defeated At Last

(2015 - Castle Face)
Un nuovo inizio per la band di John Dwyer

THEE OH SEES

Drop

(2014 - Castle Face)
Disco vacanziero per John Dwyer in licenza dai suoi sodali

THEE OH SEES

Floating Coffin

(2013 - Castle Face)
I nuovi villaggi Potëmkin di John Dwyer e della sua ghenga

THEE OH SEES

Putrifiers II

(2012 - In The Red)
La band garage-psych rallenta la produzione con buoni risultati

THEE OH SEES

Carrion Crawler/ The Dream

(2011 - In The Red)
La prova più felice della compagine di John Dwyer, dal nobile revival psych a un nuovo immaginario ..

THEE OH SEES

Castlemania

(2011 - In The Red)
Lo sfarfallante "Sunshine Pop Album" degli Oh Sees, gioiellino incompreso

THEE OH SEES

Warm Slime

(2010 - In The Red)

Follia e seduzione garage nel disco più schizzato della band di San Francisco

THEE OH SEES

Help

(2009 - In The Red)
Disco di consolidamento per la band di San Francisco

THEE OH SEES

Dog Poison

(2009 - Captured Tracks)
L'inquietante e malsano lunapark di un John Dwyer in licenza dai sodali

THEE OH SEES

The Master’s Bedroom Is Worth Spending A Night In

(2008 - Castle Face)
Piccolo cambio di nome, gran cambio di passo per la creatura di John Dwyer

THE OHSEES

The Hounds Of Foggy Notion

(2008 - Castle Face)
Struggente canto del cigno per la band che ritornerà sotto le spoglie di una fenice psych-rock ..

News
Bent Arcana on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.