Fuzz

III

2020 (In The Red) | garage-rock, hard-psych

Terzo capitolo per quello che sta diventando il principale divertissement di Ty Segall, il side project denominato Fuzz, per il quale ha deciso di cantare e suonare la batteria, in compagnia del multistrumentista Charles Moothart (alle chitarre) e del bassista Chad Ubovich. Un “supergruppo” sbocciato a San Francisco, e ora finito fra le grinfie di Steve Albini, che manovra i suoni per far sì che l’ascoltatore provi la sensazione di trovarsi accanto alla band durante le prove, proprio come fosse nel loro garage di casa.

Confermatissima la formula stilistica: un acidissimo hard-psych cristallizzato (i maligni direbbero “immobilizzato”) fra la fine degli anni 60 e l’inizio del decennio successivo. Una manciata di possenti riff che uniscono idealmente l’hard-rock primordiale dei Black Sabbath, lo stoner dei Kyuss e gli ottimi bignamini realizzati dai Black Mountain. Tutto costruito con grande intelligenza: i distorsori sono quasi sempre “a manetta”, ma il trio è alla costante ricerca di un formato canzone che non venga percepito come troppo estremo, e l’obiettivo è centrato – ad esempio - nel caso di “Spit”, traccia che in un mondo perfetto viaggerebbe altissima nelle chart del circuito indipendente.

Rispetto ai precedenti lavori, “III” si presenta più snello: soltanto due brani (“Time Collapse” ed “End Returning”) sugli otto complessivi risultano lunghi (ma neanche troppo) e strutturati, con qualche frangente altamente lisergico, la provvisoria calma studiata ad arte per alleviare l’onnipresente immane tensione elettrica.
La seconda parte del disco, pur se sempre ruggente, è meno interessante, a causa di alcune soluzioni che tendono a ripetersi. Ma l’intento dei Fuzz non sarà mai quello di architettare rivoluzioni copernicane, semmai suonare a ruota libera, divertendosi, fino allo sfinimento. E in tracce come quelle racchiuse in “III” l’intento appare pienamente raggiunto.

(13/11/2020)

  • Tracklist
  1. Returning
  2. Nothing People
  3. Spit
  4. Time Collapse
  5. Mirror
  6. Close Your Eyes
  7. Blind To Vines
  8. End Returning




Fuzz su OndaRock
Recensioni

FUZZ

II

(2015 - In The Red)
Ritorno guizzante per la band di scorta di Ty Segall

FUZZ

Fuzz

(2013 - In The Red)
Torna a suonare la campana della ricreazione elettrica per Ty e soci

News
Fuzz on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.