Riccardo La Foresta

Drummophone

2020 (Kohlhaas) | experimental, free-improvisation

Un enigmatico e totalizzante ambiente sonico nel quale perdersi, assorbiti dall’immaginifica forza del gesto libero e della pura invenzione. È un ambito sempre più vitale e ricco di protagonisti, quello che vede le percussioni utilizzate in modo non convenzionale per divenire solitario attore con cui dipingere atmosferici paesaggi affrancati dal mero dato ritmico, un caleidoscopico territorio creativo nel quale si muove con assoluta sicurezza il giovane e talentuoso Riccardo La Foresta.

Corroborato da approfonditi studi accademici e da un’intensa attività live con personalità del calibro di Lê Quan Ninh, Massimo Pupillo, Stefano Pilia e John Butcher, l’universo sonoro cristallizzato dal compositore modenese  in “Drummophone” è frutto di anni di ricerca condotti sulle potenzialità espressive di un tamburo tramutato in aerofono, oggetto che sfrutta le vibrazioni delle pelli ottenute attraverso la pressione dell’aria per pervenire a un lessico fertile e inusuale.

Nutriti dalla vasta gamma di suoni estratti utilizzando tecniche estese da questo particolare drum kit, i sei capitoli di cui il lavoro si compone trovano ulteriore ampiezza espressiva grazie alle particolari caratteristiche dell’ex-hangar militare di Modena, riconvertito in centro culturale, in cui sono stati registrati da Lorenzo Abattoir (ad eccezione del quinto movimento catturato da Renato Grieco nel museo Hermann Nitsch di Napoli). L’importante riverbero dello spazio scelto diventa elemento essenziale che partecipa attivamente alla costruzione dell’obliquo e inquieto flusso narrativo, disegnato attraverso una mesmerica tavolozza di stridori e battiti, di stille sonore marcatamente tangibili che rimandano alle roboanti atmosfere dei pionieri della musica concreta.

Come un ribollente torrente magmatico, l’improvvisata trama scolpita da La Foresta prosegue così densa e implacabile, catturando fino in fondo senza concedere pause e cadute di tono, assumendo la forma di un oscuro e ammaliante vortice sonico al quale risulta impossibile sfuggire.

(04/11/2020)

  • Tracklist
  1. I
  2. II
  3. III
  4. IIII
  5. IIIII
  6. IIIIII
Riccardo La Foresta on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.