Ride

Clouds In The Mirror

2020 (Wichita) | modern classical

Visto l'approccio muscolare del tour a supporto di "This Is Not A Safe Place", l'ultima cosa che ci saremmo aspettati era imbatterci in una versione fortemente edulcorata di quelle canzoni. E invece Andy Bell, Mark Gardener e compagnia hanno optato per la rilettura in chiave modern classical dell'intero disco, affidando le chiavi della re-immaginazione al duo Petr Aleksander, formato da Tom Hobden dei Noah & The Whale ed Eliot James dei Two Door Cinema Club.

"This Is Not A Safe Place" è stato dissezionato e ricomposto ex novo, interamente revisionato, ridimensionando le parti cantate, sforbiciando non soltanto le chitarre shoegaze di "Future Love", sostituite dalla placidità di piano e archi, ma anche azzerando qualsiasi slancio rock (ricordate "Repetition"?). Un esercizio che prende dolcemente per mano i Ride, accompagnandoli in un (per loro) inedito formato neoclassico. Messo al bando qualsiasi istinto chitarristico, indossando questo vestito risulta ovviamente esaltata la radice melodica della scrittura.
Certo che ridurre a uno spoglio e melodrammatico minimalismo il muro di suono che caratterizzava "Kill Switch" o l'arrembaggio electro di "R.I.D.E." è una prova che mostra coraggio da vendere. Tutto però diviene molto più "controllato", e le nuove orchestrazioni finiscono per elidere non solo l'elettricità dreamy di "Eternal Recurrence" ma anche il piglio acustico di "Dial Up" e "Shadows Behind The Sun", tracciando una riga rossa persino sull'evocativa coda della conclusiva "In This Room".

Non c'è nulla che non funzioni nelle suggestioni esaltate dall'intervento dei Petr Aleksander, ma le nuove versioni in nessun caso riescono a superare gli originali, con un risultato finale che rischia di apparire superfluo ai fan dei Ride e trascurabile per gli appassionati del suono modern classical, i quali potranno godere anche di un'edizione ancor più spoglia, interamente strumentale. Col senno del poi, sarebbe stato più efficace (e sfidante per i protagonisti) realizzare un allestimento di questo tipo sul catalogo pregresso della band inglese, rileggendo le cult hit degli anni 90. Ma non è escluso che possa trattarsi del prossimo progetto in cantiere...

(05/06/2020)

  • Tracklist
  1. R.I.D.E
  2. Future Love
  3. Repetition
  4. Kill Switch
  5. Clouds Of Saint Marie
  6. Eternal Recurrence
  7. Fifteen Minutes
  8. Jump Jet
  9. Dial Up
  10. End Game
  11. Shadows Behind The Sun
  12. In This Room
Ride su OndaRock
Recensioni

RIDE

This Is Not A Safe Place

(2019 - Wichita)
Il secondo full length dei pionieri shoegazer dopo la fortunata reunion del 2015

RIDE

Tomorrow's Shore Ep

(2018 - Wichita)
Un Ep breve ma intenso che rimarca la volontà dei Ride di attualizzare il proprio suono.

RIDE

Weather Diaries

(2017 - Wichita)
Sciolti nel 1996, tornano i pionieri shoegazer di Andy Bell, con un lavoro che alza lo sguardo verso ..

RIDE

Nowhere

(1990 - Creation)
Da Oxford uno dei capolavori dello shoegaze, tra momenti di estasi e di rassegnata contemplazione

News
Live Report
Ride on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.