Sophia

Holding On / Letting Go

2020 (The Flower Shop) | indie-rock, slow-rock

La prima novità che caratterizza “Holding On/ Letting Go” è che insieme alla creatività a 360 gradi del californiano Robin Proper-Sheppard (ex-The God Machine) i Sophia si presentano come vera e propria band per la prima volta dal debutto “Fixed Water”, pubblicato nel lontano 1996. Oltre al batterista Jeff Townsin e al bassista Sander Verstraete, già presenti in "As We Make Our Way (Unknown Harbors)" del 2016, i lavori del nuovo disco hanno coinvolto anche il chitarrista Jesse Maes e il tastierista Bert Vliegen.

L’apporto che Proper-Sheppard può portare all'indie-pop è subito evidente nel brano "Alive", pubblicato a marzo come anticipo. Una ballata elegiaca e sensuale, caratterizzata dal desideroso e malinconico sassofono di Terry Edwards che si distanzia diametralmente dai suoni sintetici provenienti dagli anni 80 e dalle chitarre distorte dell’opener "Strange Attractor". Nel corso del brano i confini tra indie pop, new wave e post-punk si confondono in un viaggio pulsante e allo stesso tempo sognante e trascendentale.
La melodia primordiale, che nel brano d’apertura esitava a cristallizzarsi, prende con forza il sopravvento nella mesta e orecchiabile “Undone. Again.” e nella sognante “Avalon”, grazie alle dolci pennellate della chitarra acustica arpeggiata da Proper-Sheppard. Dilatate escursioni cosmiche plasmano "Wait" e "Gathering The Pieces", dove emerge la maestria del violino di Renato Marquez, mentre l'accattivante e ritmata "Days" è l’ennesimo e affascinante asso nella manica sfoderato dal cilindro dell’indie-pop.

Verso i titoli di coda il flusso cambia direzione passando dal selvaggio indie-rock di "We See You (Taking Aim)" agli arabeschi delicatamente progressivi di "Prog Rock Arp (I Know)" cesellati dal traverso di Edwards. Ancora una volta il collettivo Sophia ha soddisfatto le grandi aspettative che lo circondavano.

(05/10/2020)

  • Tracklist
  1. Strange Attractor
  2. Undone. Again.
  3. Wait
  4. Alive
  5. Gathering The Pieces
  6. Avalon
  7. Days
  8. Road Song
  9. We See You (Taking Aim)
  10. Prog Rock Arop (I Know)


Sophia su OndaRock
Recensioni

SOPHIA

As We Make Our Way (Unknown Harbors)

(2016 - The Flower Shop / PIAS)
Il ritorno di Robin Proper-Sheppard: iconico ed epico, ma in fondo scontato

SOPHIA

There Are No Goodbyes

(2009 - City Slang)

Il senso dei Sophia per gli addii, ovvero lo spleen dalle smussature pop

SOPHIA

Technology Won’t Save Us

(2007 - Flower Shop)
Le aspirazioni incompiute di Robin Proper-Sheppard

SOPHIA

People Are Like Seasons

(2004 - City Slang)

News
Sophia on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.