Aidan Baker

True Dreaming (To Bend The World)

2021 (Dissipatio) | ambient-drone, experimental

È impresa ardua riuscire a seguire con costanza la produzione a dir poco prolifica di Aidan Baker. Autore di numerose uscite a suo nome e molteplici collaborazioni, tutte incentrate sulla ricerca costante di un soundscape sempre più ibrido, il musicista canadese propone un nuovo tassello solista che segna il suo esordio per la Dissipatio di Nicola Quiriconi.

"True Dreaming (To Bend The World)" si presenta come un lavoro duplice, costruito sull'alternanza di espansi itinerari perfettamente conclusi e brevi frammenti sperimentali. Un disco, quindi, che si snoda su un doppio binario ai cui estremi campeggiano due dilatate suite ambient-drone che ne saturano i due terzi dell'intera durata. "The Permeable Worldskin" e la conclusiva title track sono entrambe costruite come sequenze narrative ascendenti, percorsi oscuri che prendono le mosse da un denso tappeto di droni gradualmente modulato da fraseggi di chitarra essenziali. Il riverbero delle corde inietta tensione nel magma sonico sotterraneo fino al raggiungimento di un climax ruvido che soprattutto nella traccia iniziale lambisce territori harsh noise disturbanti. È il Baker più convincente a palesarsi qui, nella veste di attento scultore di frequenze atmosferiche orientate verso un dark-ambient contaminato da sprazzi di controllato rumore bianco.

I quattro brani incastrati tra questi due monoliti, malgrado siano legati ad essi da una comune esplorazione di differenti stati onirici, risultano essere slegati e decisamente meno incisivi. Le risonanze diafane vagamente jazz di "Mouth Feel Of Secrets" e in modo particolare le modulazioni vocali di "Something Opens In My Head" hanno il sapore del mero studio formale, mentre si rivelano più interessanti le movenze chitarristiche oblique di "Drawing Doors In Places Where The Walls Are Thin".

Al netto di queste parziali cadute di tono, "True Dreaming (To Bend The World)" è un prodotto riuscito, confezionato da un artista consapevole dei propri mezzi, ma a cui la varietà di soluzioni proposte non riesce a dare lo slancio necessario per divenire opera di rilievo.

(19/11/2021)

  • Tracklist
  1. The Permeable Worldskin
  2. The Dreaming Things Inside My Head
  3. Mouth Feel of Secrets
  4. Drawing Doors In Places Where The Walls Are Thin
  5. Something Opens In My Head
  6. True Dreaming (To Bend The World)
Aidan Baker su OndaRock
Recensioni

AIDAN BAKER

An Instance Of Rising / Liminoid

(2020 - Gizeh)
Il prolifico musicista canadese in bilico tra una consolidata attitudine post-rock e un'inattesa vena ..

AIDAN BAKER

The Sea Swells A Bit (ristampa)

(2015 - Ici d'Ailleurs / Mind Travels)
Ristampa per uno dei momenti più alti della carriera di Baker

AIDAN BAKER

Aneira

(2013 - Glacial Movements)
Il chitarrista e sperimentatore contamina la sua ambient con rimostranze industriali

AIDAN BAKER

Already Drowning

(2013 - Gizeh)
Otto muse prestano le proprie voci per il nuovo concept dell'infaticabile artista canadese

AIDAN BAKER

Liminoid / Lifeforms

(2010 - Alien8)
Il lato più sinfonico e “corale” del musicista canadese

AIDAN BAKER

Green & Cold

(2007 - Gears of Sand Recordings)

Shoegaze "mentale" e psichedelia nel nuovo disco del canadese

AIDAN BAKER

Dog Fox Gone To Ground

(2006 - Afe Records)

Un'ambient-drone pacificata e ricca di sfumature infinitesimali

Aidan Baker on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.