A Winged Victory For The Sullen

Invisible Cities

2021 (Artificial Pinearch Manufacturing) | modern classical, ambient

Immaginate di vivere in una città immensa, nuova, importante. Immaginate, inoltre, di evitare volutamente di visitarne i più celebri siti turistici, girovagando a piacimento fino a perdere la concezione di spazio e luogo e trovare imprevisto apprezzamento per angoli inediti e poco famosi; una nuova familiarità che forse ne fa comprendere meglio le vere dinamiche e le reali caratteristiche. Questa è esattamente la sensazione che si prova ascoltando “Invisible Cities”, il nuovo album del duo statunitense A Winged Victory For The Sullen.

L'album è la colonna sonora dell’acclamata produzione teatrale di Leo Warner basata sul celebre romanzo del 1972 di Italo Calvino intitolato proprio “Le città invisibili”. Lo spettacolo ha mescolato teatro, musica, danza, design architettonico e immagini, per dare vita alle straordinarie conversazioni tra l’imperatore dei Tartari Kublai Khan e Marco Polo contenute nel libro.
"So That The City Can Begin To Exist" dà il via con un delicato ritornello di pianoforte e sintetizzatori che creano morbidi impeti ad abbracciare un’abbagliante melodia minimale.

Gli inquietanti e straordinari scenari sonori tracciati in "The Dead Outnumber The Living" e "Thirteenth Century Travelogue" contrastano con le dilatate e oniriche sequenze di “The Celestial City” e con l’ipnotica tessitura elettronica di "Every Solstice & Equinox".
La delicatezza del pianoforte di “The Divided City” trasporta in atmosfere senza tempo, mentre “Only Strings And Their Supports Remain” è trainata da archi ultraterreni che levigano calde note di piano. Tra i momenti più appassionanti l’audace ruggito di “There Is One Of Which You Never Speak” che dopo un'avvolgente apertura di archi e un sottile pianoforte trascina in una corrente sotterranea di aguzza elettronica in crescendo, che arriva a costruire una barriera di rumore statico, quasi cacofonico.
L’atmosfera corale di “Desires Are Already Memories” e il sontuoso dronescape di “Total Perspective Vortex” fanno calare il sipario su un’opera spettacolare d’emozione cristallina.

"Invisible Cities" è un album affascinante, tanto ricco quanto il soggetto letterario dal quale trae ispirazione. Il duo statunitense formato dai compositori Dustin O’Halloran e Adam Wiltzie ha progettato 13 brani tecnicamente eccelsi, connessi a quanto già gustato nelle loro incantevoli pubblicazioni precedenti.
A Winged Victory For The Sullen ha ormai assunto lo status di culto nel panorama ambient e modern classical e l’accostamento della loro opera a capostipiti del settore quali Max Richter, Hauschka, Tim Hecker e Hildur Guðnadóttir risulta quanto mai doveroso.

(03/03/2021)

  • Tracklist
  1. So That The City Can Begin To Exist
  2. The Celestial City
  3. The Dead Outnumber The Living
  4. Every Solstice & Equinox
  5. Nothing Of The City Touches The Earth
  6. Thirteenth Century Travelogue
  7. The Divided City
  8. Only Strings And Their Supports Remain
  9. There Is One Of Which You Never Speak
  10. Despair Dialogue
  11. The Merchants Of Seven Nations
  12. Desires Are Already Memories
  13. Total Perspective Vortex


A Winged Victory For The Sullen su OndaRock
Recensioni

A WINGED VICTORY FOR THE SULLEN

The Undivided Five

(2019 - Ninja Tune)
L'espressione del duo O'Halloran-Wiltzie affonda nelle tenere radici di un classicismo perduto e ritrovato ..

A WINGED VICTORY FOR THE SULLEN

Atomos

(2014 - Erased Tapes / Kranky)
Secondo capitolo per il progetto di Adam Wiltzie degli Stars Of The Lid e Dustin O'Halloran

A WINGED VICTORY FOR THE SULLEN

A Winged Victory For The Sullen

(2011 - Erased Tapes / Kranky)
Il dream team ambient-classico nato dall'incontro tra Adam Wiltzie e Dustin O'Halloran

A Winged Victory For The Sullen on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.