Circuit Des Yeux

-io

2021 (Bb/Matador) | neoclassical darkwave, art-pop

È un'immersione emotiva totale, sia personale che artistica, il nuovo album di Haley Fohr. "-io" è un progetto contrassegnato dal dolore della perdita e dal surrealismo quotidiano. Un racconto in bilico tra paura e speranza, una lotta contro il vuoto emotivo creato dalla pandemia.
Dopo aver cercato rifugio alla sofferenza, causata dalla perdita di un caro amico e della nonna, nell'ingannevole cornice di una spiaggia tropicale, l'artista americana si tuffa anima e corpo nell'aulico mondo della trascendenza e della spiritualità.

È un lungo processo atto a lenire il dolore, il nuovo album sotto il moniker di Circuit Des Yeux. Un lungo "om", affidato non solo alla sbalorditiva gamma baritonale di quattro ottave della Fohr, ma anche a un corpo sonoro possente, tessuto con un'orchestra di 23 elementi, opportunamente divisa in più sezioni nel rispetto delle regole anti-Covid, oltreché da musicisti dalla svariata estrazione artistica: jazz, avantgarde, classica.

Il multistrato sonoro è epico e barocco, sfavillante eppur ricco delle consuete sonorità oscure e ombrose. Ci sono affinità elettive con Anna Von Hausswolff e Lingua Ignota, anche se la musica di Circuit Des Yeux è più carnale, fisica, priva ovviamente di sessualità ma ricca di turbamenti e presagi. La natura apocalittica della maestosa "Vanishing" è tracimante, inaspettatamente ricca di evocative figurazioni sonore, audace e impetuosa, ed è una forza che caratterizza tutto il percorso di "-io", con la musicista in perenne lotta con la sofferenza.

L'uso dell'orchestra è sapiente e contestuale alle varie composizioni, perfetto nel sostenere la trionfale marcia goth-folk che contrassegna il brano più immediato dell'album "Dogma", mai eccessivo anche nei momenti più delicati e poetici ("Oracle Song"). Nonostante l'enorme mole di strumenti e i più ricchi arrangiamenti, a condurre le trame resta la voce, autentica protagonista degli arabeschi sonori della drammatica e intensa ballata pianistica "Stranger", un'esortazione armonica minimale e dolente che il suono acre dei violoncelli rende ancor più straziante.
Perfetta anti-eroina, Haley mette a nudo paure e debolezze nelle malsane e paludose sonorità di chitarre dal timbro metallico e nel canto sussurrato ricco di terrore di "The Chase", una delle pagine più intense del disco. Un'intensità che è l'elemento peculiare di "-io": Haley Fohr trasforma la sofferenza in forme sonore ora fisicamente percepibili seducenti (l'ariosità orchestrale di "Neutron Star"), ora oniriche (la spirituale "Walking Toward Winter" o la quasi operistica "Argument").

Con "-io", Circuit Des Yeux compie un deciso passo verso un linguaggio artistico più complesso e musicalmente fastoso, restando lontano da tentazioni cacofoniche o puramente concettuali. Il tono epico e roboante possiede una tensione narrativa e un rigore creativo che finora l'artista aveva accennato, e che trova finalmente una più solida forma creativa, ma soprattutto anche un po' di pace e sollievo, nella quasi convenzionale leggerezza melodica di "Oracle Song".

(15/12/2021)

  • Tracklist
  1. Tonglen|In Vain
  2. Vanishing
  3. Dogma
  4. The Chase
  5. Sculpting The Exodus
  6. Walking Toward Winter
  7. Argument
  8. Neutron Star
  9. Stranger
  10. Oracle Song




Circuit des Yeux su OndaRock
Recensioni

CIRCUIT DES YEUX

Portrait

(2011 - De Stijl)
Lontana dalla "crimson wave" e innamorata del blues, Haley Fohr torna in pista con tutti i ..

Circuit Des Yeux on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.