Silas J. Dirge

The Poor Devil

2021 (Smoking Man Music) | goth-folk

Murder ballads, storie di fantasmi, diavoli che vivono indisturbati tra la gente, animali malvagi, rituali satanici. Ci sono tutti gli elementi per un goth-folk di sana matrice americana, viceversa Silas J. Dirge è un musicista olandese, vero nome Jan Kooiker, innamorato del lato oscuro di quella nobile tradizione musicale che Johnny Cash e Hank Williams hanno legato in maniera indelebile ai paesaggi e alle storie della vecchia America.
“The Poor Devil” è un disco che cattura in pieno il lessico dark-folk. Lo si può scorgere senza alcuno sforzo nei titoli dei brani - “Il diavolo è in città”, “Ho visto un serpente”, “Fiori sulla sua tomba” - lo si ode scorrere nelle vene delle ballate più aspre e sinistre, che sembrano scandite dall’inesorabile avvento della morte - “Hear Its Roar (When It's Black)” - e lo si percepisce nelle sfumature di murder ballad come “Flowers On Her Grave”, prive di retorica, che scivolano come un breve film.

Silas J. Dirge districa una matassa di storie oscure e terribili con padronanza, senza disdegnare il lato romantico e poetico della cultura dark (“Wolf In Sheep's Clothes”), tiene salda un’atmosfera da falò accennando accordi scarni e familiari da vero troubadour (“Hang Me High”, “I Saw A Snake”), avvolgendo il tutto con sonorità spaghetti-western abbellite da un’inconsueta voce femminile (“A Land More Kind Than Home”), fino a scavare nel profondo di storie fatte di miseria e dannazione (“Devil's In Town”).
Abile con le parole, convincente nel suo proporre un linguaggio arcaico, pronto a cedere il passo a un breve momento di macabra leggerezza (“Black Dog”), il musicista olandese mette insieme un set convincente e coinvolgente come pochi. Un album che scorre come un film a episodi, dieci storie dark-gothic che hanno la stessa genuinità di un brano di Johnny Cash e la profondità di un racconto di Nick Cave.

Poche note di harmonium e il cupo riverbero della chitarra elettrica, infine, annunciano i titoli di coda (“Dolly Shot”). La voce di Silas J. Dirge è al limite del grido silenzioso. La paura evocata per gran parte di “The Poor Devil” ha preso il sopravvento e non resta che rifugiarsi nelle ombre della notte.

(22/04/2021)

  • Tracklist
  1. Hang Me High
  2. Hear Its Roar (When It's Black)
  3. Flowers On Her Grave
  4. Wolf In Sheep's Clothes
  5. A Land More Kind Than Home
  6. Black Dog
  7. Devil's In Town
  8. I Saw A Snake
  9. You Reap What You Sow
  10. Dolly Shot




Silas J. Dirge on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.