Gold Panda

The Work

2022 (City Slang) | idm, electro

Tre album pubblicati a cadenza triennale a partire dal 2010 sono stati sufficienti per far emergere il talento cristallino di Derwin Schlecker, affermando il marchio Gold Panda come uno dei più interessanti dell’attuale scena elettronica. A sei anni da “Good Luck And Do Your Best” arriva il quarto tassello – secondo per la berlinese City Slang – che segna un’ulteriore evoluzione lessicale intimamente connessa a un radicale cambiamento di vita. In questo lungo lasso di tempo, infatti, Derwin si è sposato ed è diventato padre, ha smesso di bere e ha intrapreso un percorso di terapia, trovando una dimensione più solare ed equilibrata.

A tutto ciò non corrisponde una virata drastica sul versante sonoro: la miscela sapiente di Idm, techno ed electro ibridata da influenze indietronica e diluiti retaggi ambient dei primi lavori continua a essere la materia di base su cui si fonda la pratica del producer inglese. Un senso dominante di leggerezza si irradia dagli incastri di loop, campionamenti vocali e pulsazioni tendenzialmente downtempo, un’aura di quieto benessere che guida l’abile mano di Schlecker verso soluzioni lussureggianti (“The Dream”,  “New Days”) intrise di suggestioni di quel Sol Levante sua seconda patria (“Arima”, “Chrome”).
La reale differenza risiede qui nella volontà di definire territori maggiormente compositi affidandosi a un'accresciuta consapevolezza dei propri mezzi, attitudine evidente nello sviluppo dinamico di “The Want” e nell’improvvisa esplosione house  in odore Daft Punk di “I’ve Felt Better (Than I Do Now)” che spezza il tono altrimenti dimesso del disco.

È proprio in questo andamento fin troppo costante – anche se di notevole qualità - che risiede il limite di “The Work”, nella mancanza di apici esplosivi quali “You” o “Brazil” che sappiano elevarsi del tutto per appiccicarsi addosso fin dal primo ascolto. Si tratta comunque di un peccato veniale, che poco toglie a un itinerario che sancisce il raggiungimento di una piena maturità artistica.

(21/11/2022)

  • Tracklist
  1. Swimmer
  2. The Dream
  3. The Corner
  4. The Want
  5. I've Felt Better (Than I Do Now)
  6. Plastic Future
  7. New Days
  8. I Spiral
  9. Arima
  10. Chrome
  11. Joni's Room




Gold Panda su OndaRock
Recensioni

GOLD PANDA

Good Luck And Do Your Best

(2016 - City Slang)
Il terzo album del producer britannico dopo una pausa di alcuni anni

GOLD PANDA

Half Of Where You Live

(2013 - Ghostly International)
Nuove fantasie elettroniche per il Panda pił scintillante d'Inghilterra

GOLD PANDA

Lucky Shiner

(2010 - Ghostly International)
Le frizzanti invenzioni elettroniche di un inglese vestito da panda

News
Gold Panda sul web