19/11/2015

Iamx

lo-fi, Milano


di Giulia Quaranta
IAMX
Unica tappa italiana per IAMX, progetto solista di Chris Corner, a Milano. I cancelli vengono aperti in perfetto orario, intorno alle 21, mentre il live inizia con circa un quarto d'ora di ritardo. La location è di quelle che la band ama: piccola, oscura, in grado di permettere il contatto diretto con il pubblico.
E infatti Chris non si risparmia: si butta sul pubblico, ne cerca il contatto durante tutta la serata. Ad aprire le danze è "I Come With Knives", in una versione che è un tripudio di suoni e le conferisce una corposità e una pienezza che mancano alla versione in studio.
Con queste premesse, lo spettacolo sarebbe dovuto essere emotivamente incontenibile e invece, nonostante l'indiscutibile bravura di IAMX, qualcosa è sembrato mancare durante l'ora e mezza di musica e spettacolo. Anzitutto, si è avvertita e non poco la totale assenza di pezzi da "Volatile Times" così come di brani dall'ultimo album, che dal vivo avrebbero potuto dimostrare una marcia in più, "North Star" e "Say Hello Melancholia" tra tutte - ma soprattutto la splendida ballata "Insomnia", pezzo capolavoro di "Metanoia".

Si è visto tanto, troppo spettacolo spinto fino alla trasgressione più torbida, che talvolta è stranamente sfociata in un sentore di volgarità, ma l'amarezza è data dall'aver assistito a uno spettacolo privo di intimità. Si è volutamente dato spazio alle canzoni che dal vivo potessero avere una resa migliore, in una scaletta democratica che comprendesse i pezzi di maggior successo di IAMX, dalle hit synth-pop del primo lavoro ("Mercy", "Your Joy Is My Low", "Kiss + Swallow") a quelle più chiassose dell'ultimo ("Oh Cruel Darkness Embrace Me" e "Aphrodisiac").

Una precisa scelta stilistica che spiega l'assenza di brani formidabili come "Quiet The Mind", "Ghost Of Utopia" e la già citata "Insomnia", e la presenza di una rivisitazione di "Split It Out" che è mero esercizio di stile.
Per fortuna, a salvarsi da questa sequela di scelte infelici è "I'm Terrified", posta in conclusione e portata all'apice della sua bellezza. Eppure, al termine del live permangono vari punti interrogativi e un po' di delusione, incrementata inoltre dall'atteggiamento schivo e sfuggente di Chris Corner, Janine Gezang e degli altri membri della band, che prima di andare via sono praticamente fuggiti, lasciando a bocca asciutta i - pochi - fan rimasti ad attendere la dipartita della band, nella speranza di una stretta di mano, una foto o un autografo.


Setlist

I Come With Knives

The Alternative

Happiness

Mercy

No Maker Made Me

Tear Garden

Oh Cruel Darkness Embrace Me

Spit It Out

Surrender

After Every Party I Die

Aphrodisiac

Your Joy Is My Low

Encore

Kiss + Swallow

I Am Terrified

IAMX su OndaRock

Monografia

IAMX

Diventando X

Recensioni

IAMX

Metanoia

(2015 - Auto Produzione)
Ritorno appassionato e appassionante per l'elettrodark di IAMX

IAMX

Kingdom Of Welcome Addiction

(2009 - 61seconds)
Terzo album per il progetto solista di Chris Corner, ex-leader dei synth/trip-hoppers Sneaker Pimps ..

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.