Black Tape For A Blue Girl

The Scavenger Bride

2002 (Projekt) | ambient-gothic

Ritorno in grande stile per la formazione di Sam Rosenthal (fondatore della Projekt Records, la prestigiosa etichetta statunitense che produce, tra gli altri, i Lycia). Ispirato dai romanzi di Kafka, l’autore preferito di Rosenthal, “The Scavenger Bride” è un album maestoso, capace di spaziare tra melodie classicheggianti e atmosfere gotiche, gelide brezze d’elettronica e sonate rinascimentali, tenero lirismo e cupo dramma. Un disco dalle tinte teatrali (stile Brecht) e dalle atmosfere eteree, che richiama alla mente le partiture più suggestive di Cocteau Twins e Dead Can Dance.

Per l’occasione, i Black Tape For A Blue Girl formano una vera e propria orchestra, che annovera - oltre alle tastiere “ambientali” di Rosenthal - Elysabeth Grant al canto, una sezione d’archi con violino, viola e violoncello, il magico flauto di Lisa Feuer (ritratta anche nella copertina del disco), dulcimer, mandolino, batteria e percussioni a cura di Michael Laird degli Unto Ashes, la voce e la chitarra di Bret Helm degli Audra, nonché i vocalizzi di Athan Maroulis di Spahn Ranch. Il risultato è un appassionato concept album dedicato a una sposa, alla sua storia, ai suoi tormenti, ai suoi passati amori. Curiosa la scelta del titolo: “Scavenger” è infatti un termine che deriva dall’Anglo-Normanno “scawager”, ovvero “spazzino”.

Il disco è una raccolta di lieder (semi)classici, che si susseguono in un crescendo di pathos e suspence. Tra i brani, svettano la struggente cantilena di “Kinski”, intrepretata da un’appassionata Elysabeth Grant su un vortice di suoni persi nel vuoto; la lugubre ninnananna per pianoforte di “Shadow Of A Doubt”; la danza suadente di “All My Lovers”, sorta di saltarello medievale adattato al tempo del synth ; il salmo dolente di “The Scavenger Daughter”; la solenne maestosità della title-track ; il cerimoniale gotico di “Like A Dog”, sostenuto da un muro di tastiere elettroniche. E a impreziosire l’opera contribuiscono anche alcuni brevi ma suggestivi intermezzi strumentali. Un lavoro affascinante, insomma, che conferma la grande eleganza di questa sorta di piccola orchestra da camera dell’ ambient-gothic americano.

(11/07/2012)



  • Tracklist
  1. The Scavenger Bride
  2. Kinski
  3. All My Lovers
  4. Shadow Of A Doubt
  5. The Doorkeeper
  6. Floats In The Updrafts
  7. A Livery Of Bachelors
  8. Das Liselottenbett
  9. The Lie Wich Refuses To Die
  10. The Scavenger's Daughter
  11. Like A Dog/Letter To Brod
  12. The Whipper
  13. Bastille Day, 1961
Black Tape For A Blue Girl su OndaRock
Recensioni

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

Blood On The Snow

(2017 - Projekt Records)
Un breve assaggio di malinconia ed eleganza dallo storico progetto di Sam Rosenthal

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

These Fleeting Moments

(2016 - Projekt)
L'atteso ritorno di Sam Rosenthal sotto il suo storico moniker darkwave

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

Limitless

(2016 - Projekt Records)
Un mini che ha anticipato il ritorno dopo 7 anni della creatura darkwave di Sam Rosenthal

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

Tenderotics

(2013 - Projekt)
Torna lo storico marchio di Sam Rosenthal per una manciata di remix

SAM ROSENTHAL

Tanzmusik (ristampa)

(2012 - Mannequin)
La ristampa di un gioiello incastonato di sogni sintetici e piccoli sentieri elettronici

SAM ROSENTHAL

The Passage

(2011 - Projekt)
Un nuovo capitolo per la recente saga ambientale di Sam Rosenthal

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

10 Neurotics

(2009 - Projekt)
Cambia pelle all'insegna del dark-cabaret lo storico progetto di Sam Rosenthal

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

Remnants Of A Deeper Purity

(1996 - Projekt)
Il capolavoro gotico della band di Sam Rosenthal e dell'intera epopea Projekt

Black Tape For A Blue Girl on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.