Wilco

Yankee Hotel Foxtrot

2002 (Nonesuch) | folk-rock

Genesi difficile quella del quarto disco dei Wilco; programmato per uscire nel 2001 (sembra proprio l'11 settembre…), l'album venne rifiutato dalla Reprise, "costringendo" Jeff Tweedy e compagni a troncare il legame con l'etichetta precedente per pubblicare il proprio lavoro presso la Nonesuch.
Sono cambiati non poco i Wilco dai tempi della divisione degli Uncle Tupelo, specie per chi li vedeva ancora come gli autori di "A.M.". Aiutati dal missaggio di Jim O'Rourke (e scusate se è poco…), dimostrano in questo disco di possedere una spinta evolutiva incredibile; l'uso del digitale, dei "rumori" e degli "spazi" non avviene mai a caso, ma serve a creare sensazioni e a sottolineare sentimenti e parole.

La partenza è bruciante; "I am trying to break your heart" scoraggerà i "puristi" di certo roots-rock, dilatata com'è tra effetti digitali e stonature di piano che trasudano desolazione. Ci si risolleva per un po' con "Kamera", piccola gemma pop-folk che vi ritroverete a cantare sotto la doccia, per poi ritrovarsi nel vento freddo che spira tra le note dolenti di "Radio Cure". Dopo la guerra, trattata con apparente "leggerezza" di "War on War", arrivano due dei tre episodi migliori del disco: "Jesus, etc." è di una dolcezza disarmante, mentre "Ashes of American flag" è la colonna sonora di quell'America desolata e fatta di sogni spezzati che tanti credono di cantare ma che pochi riescono a descrivere.

Se "Heavy metal drummer" ha l'allegria di certe melodie degli Xtc, "I'm the man who loves you" sembra scritta dal Beck più ispirato. Dopo la movimentata "Pot Kettle Black" e "Poor Places", scarna e spoglia all'inizio e quasi "beatlesiana" si giunge, nel finale, alla terza perla di "Yankee Hotel Foxtrot": "Reservations" è una delle più belle canzoni ascoltate negli ultimi anni, musica e canto così delicati e struggenti che toccano l'anima.
Finisce il cd e c’è la sensazione che Jeff Tweedy e i suoi Wilco abbiano creato un capolavoro. Composto da undici meraviglie musicali che sfuggono ad ogni classificazione, "Yankee Hotel Foxtrot" è un serio candidato nella corsa per il disco dell'anno 2002.

(07/11/2006)

  • Tracklist
  1. I Am Trying To Break Your Heart
  2. Kamera
  3. Radio Cure
  4. War On War
  5. Jesus, etc.
  6. Ashes Of American Flags
  7. Heavy Metal Drummer
  8. I'm The Man Who Loves You
  9. Pot Kettle Black
  10. Poor Places
  11. Reservation
Jeff Tweedy su OndaRock

Monografia

Wilco

Out of the roots

Recensioni

JEFF TWEEDY

Together At Last

(2017 - Dbpm Records)
Il leader dei Wilco rivisita per soli chitarra acustica e voce 11 tracce del proprio percorso artistico ..

WILCO

Schmilco

(2016 - Dbpm Records)
Il decimo lavoro in studio della band di Chicago punta su sonorità semi-acustiche

WILCO

Star Wars

(2015 - dBpm - Anti)
Il ritorno a sorpresa di una delle band-cardine del rock americano degli ultimi quindici anni

TWEEDY

Sukiarae

(2014 - dBpm Records/ ANTI)
Il leader dei Wilco in libera uscita con un tour de force di ben 20 canzoni

WILCO

The Whole Love

(2011 - dBpm)

Gli Wilco e l'arte di tendere all'assoluto (anche dopo otto album)

WILCO

Wilco (The Album)

(2009 - Nonesuch)
Tweedy e soci alle prese con un variegato compendio della loro carriera

WILCO

Sky Blue Sky

(2007 - Nonesuch)

La ritrovata serenità di Jeff Tweedy in dodici nuovi brani

WILCO

A Ghost Is Born

(2004 - Nonesuch)

News
Speciali



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.