Ital Tek

Midnight Colour

2010 (Planet Mu) | dopo il dubstep

Dopo il dubstep, a quanto pare, significa prima del dubstep. Un ritorno al manierismo idm, già subodorabile nell'ultimo Boxcutter, ora palese in questa terza uscita di iTAL tEK (al secolo Alan Myson, da Brighton).
Addio climi notturni e grigiori suburbani: qua tutto si artificializza e prende i toni di un paesaggismo sci-fi nel quale la parte del leone la fanno nuovamente le melodie. Il suono si piazza a metà tra 8-bit e techno d'antan: timbricamente, siamo dalle parti di Rustie o Ikonika. Più che ai gorgogliamenti wonky e al nervoso crunk, però, le composizioni sembrano guardare ai bei tempi di Aphex Twin e della serie Artificial Intelligence. La copertina in falsi colori riassume in fin dei conti l'atmosfera aliena (de-umanizzata?) del disco, dettata da spatolate di synth e frasette giocate sugli acuti, piuttosto che da ritmi ipnotici e molleggiamenti dub.
I pezzi non sono memorabili. Il suono però, nel suo futuribile conservatorismo, ha un che di affascinante.

(12/09/2010)

  • Tracklist
  1. Neon Arc
  2. Tails
  3. Moon Bow
  4. Babel
  5. Satellite
  6. Subgiant
  7. Black & White
  8. Strangelove VIP
  9. Moment in Blue
  10. Heliopause
  11. MidnightColour
  12. Infinite
  13. Restless Tundra (feat. Anneka)
Ital Tek su OndaRock
Recensioni

ITAL TEK

Hollowed

(2016 - Planet Mu)
Ennesimo tentativo per il producer di Brighton

ITAL TEK

Control

(2013 - Planet Mu)

Il mini del nuovo paladino della juke music Alan Myson

News
Ital Tek on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.