Ladytron

Gravity The Seducer

2011 (Nettwerk) | synth-pop

Rinascimento sintetico e canzoni. Vintage elettronico e canzoni. Rivincita della nostalgia quarantenne sull'astioso conservatorismo rock reazionario che digrignava i denti tre decenni orsono. E canzoni. Tante canzoni. Plastiche, ariose, sensuali, "facili", contagiose, positive.

Leggi Ladytron e senti come un tuffo al cuore. E sorridi. Cammini a testa alta, inforcando gli occhiali da sole e vai incontro al mondo con spirito diverso, in barba a previsioni del tempo ostiche e a oroscopi sfigati. Ascolti Ladytron e fluttui sicuro nell'aria, sfidando le leggi della gravità, come se fossi inattaccabile. Il potere del miglior artigianato pop che sfiora il genio. "Gravity The Seducer" è il nuovo scrigno dei segreti, il luogo virtuale dove scovare le ricette migliori. Quelle del classic pop, elegante e pieno di sentimento, ma anche di piccole-grandi sorprese inattese. Un menù che sembra non rinnovare i propri piatti a tre stelle, eppure vi aggiunge di stagione in stagione un piccolo accorgimento che rende il tutto indimenticabile, candidato all'eternità.
Dodici brani di perfezione geometrica, nei quali trionfano le armonie vocali ("Ambulances" e Liz Fraser potrebbe essere fiera dei semi piantati) e la melodia appare come un approdo naturale, non come una pianificazione studiata e sudata; un "Mirage" per molti, troppi non baciati dalla fortuna. Dodici canzoni tutte diverse ma così ben amalgamate da sembrare un tutt'uno, come una lunga suite che procede leggera e danzante sulle ali di un suono vagamente malinconico, quasi ombroso eppure alla fine gaio.

E le vette raggiunte non possono che essere bianche, come ogni buon scalatore si augura: "White Elephant", un nuovo inno natalizio si direbbe, e "White Cold", dapprima esitante e poi implodente quando tutto sembrerebbe pronto per i fuochi artificiali. Un gradino sotto scorrono le tastiere battenti, come la pioggia che si fa grandine, di "Ace Of Hz", la corsa a perdifiato di "Ritual", l'epicità soffusa di "Altitude Blues" e quella trionfale di "Trasparent Days", il caldo secco e irresistibile che penetra le narici e ti porta al barcollare di "90 Degrees".
I Ladytron oggi non sono più solo un ingranaggio perfetto, ma un cuore pulsante; si sono fatti carne, un concentrato di emozioni cangianti racchiuse in un suadente involucro di plastica, la sorpresa contenuta nell'ovetto. Riletture elettroniche, sintetizzatori, ritmi dance e ricordi dark. Roba da enciclopedisti e chiacchieroni. Ladytron: canzoni. Bellissime.

(14/09/2011)



  • Tracklist
  1. White Elephant
  2. Mirage
  3. White Gold
  4. Ace Of Hz
  5. Ritual
  6. Moon Palace
  7. Altitude Blues
  8. Ambulances
  9. Melting Ice
  10. Transparent Days
  11. 90 Degrees
  12. Aces High
Ladytron su OndaRock
Recensioni

LADYTRON

Best Of 00 - 10

(2011 - Nettwerk)
La raccolta dei primi dieci anni di attivitą dei Ladytron suggella la loro importanza nel panorama synth-pop ..

LADYTRON

Velocifero

(2008 - Nettwerk)
Il ritorno dei Ladytron con il loro album più oscuro e completo 

LADYTRON

Light & Magic

(2002 - Emperor Norton)



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.