Davide Matrisciano

Traffico di pulsazioni (nove modi di intendere il frastuono)

2012 (Prehistorik Sounds) | ambient, electro

Nato nel 1985, il precoce artista Davide Matrisciano compone la sua prima canzone a diciassette anni. Dopo un lungo peregrinare fra associazioni culturali e studi teorici e pratici, la sua decisione di dedicarsi completamente alla musica arriva inequivocabile e necessaria.
Per un compositore - soprattutto se produce musica non "pop" - riuscire a completare il primo album è un po' come nascere una seconda volta. Il musicista partenopeo mette insieme un'opera prima variegata, esplosiva, figlia di un'inesperienza genuina condita con la tanta voglia di tirar fuori le proprie idee.

"Traffico di pulsazioni" è un piccolo disco di musica elettronica, dove per musica elettronica si intende una serie di composizioni non necessariamente sintentiche ma con un sviluppo comandato da strumenti quali synth, drum-machine, campionatori e quant'altro possa ricondurre alla tradizione di tale genere.
Il talento profuso in questi nove pezzi è evidente, e viene a galla in maniera palese e forse un po' disomogenea; tuttavia il piacere dell'ascolto non viene inficiato da uno sviluppo frenetico e opulento. Un esordio che ricopre tutti gli stilemi dell'iniziazione: potenzialità ancora inespresse, furore da esordiente, voglia di sorprendere.

Una dopo l'altra, le canzoni si succedono secche e rigorose. "Passeggio tra luci psichedeliche" è un gommoso centrifugato fra Idm ed electro, "Gente in piazza" ricorda certi quadretti ethereal di metà anni '90, "Aria nuotatrice" è un interessante colloquio fra field recording, chitarra e brandelli di melodie classiche. Se "Noia e affanno" pare un carillon fatato, il resto dell'album diventa più ambientale - vagamente screziato seppur lievemente; le varie "Spine inermi" e "Incredibili visioni" richiamano tanto la kosmische musik quanto le influenze ambient-techno di fine anni '90.
Questa parte d'album è quella che più avrebbe meritato un maggiore sviluppo in termini di minutaggio, da cui si sarebbe potuto apprezzare un potenziale melodico-ritmico di grande pregio. Non ne risente tuttavia la riuscita finale, considerando che la musica che ne esce fuori è comunque gradevole ed efficace.

Laddove il frastuono - come da titolo - diventa timido candore, l'artista dà il meglio di sé. Leggendo la sua biografia si apprende che è già in lavorazione il secondo album, la cui natura prenderà una piega più pop. Ciò che ci auguriamo è che l'essenza non cambi assolutamente e, anzi, si potenzi sempre di più verso la direzione di questo suo primo lavoro.

(20/06/2012)



  • Tracklist
  1. Sistematico (giorno acefalo)
  2. Gente in piazza
  3. Passeggio tra luci psichedeliche
  4. Aria nuotatrice
  5. Spine inermi
  6. Incredibili visioni
  7. Noia e affanno
  8. Corolle di grida
  9. Ho frenato la cascata
Davide Matrisciano su OndaRock
Recensioni

DAVIDE MATRISCIANO

Il profumo dei fiori secchi

(2014 - Prehistorik Sounds)
L'approdo alla realtà cantautoriale per il musicista napoletano

Davide Matrisciano on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.