Hem

Departure And Farewell

2013 (Waveland) | folk

Non si può dire che, nella sterminata scena folk americana, i newyorkesi Hem siano delle stelle, né di prima né di seconda grandezza. Il che è di per sé un peccato, perché quando, undici anni fa, il loro album d’esordio “Rabbit Songs” spuntò dal nulla come un fiore nel deserto,  la critica si accorse di avere un piccolo splendente gioiello tra le mani. Dan Messé e Gary Maurer, le menti del gruppo, si fecero in quattro all’epoca, anche economicamente, per dare una veste orchestrale ai loro bozzetti per acustica e pianoforte: ne scaturì uno stile decisamente originale (alcune riviste di settore parlarono di “countrypolitan”, etichetta a dire il vero dai contorni incerti), che da una rurale aura senza tempo si rivestiva di archi morbidi e avvolgenti, mettendo saldamente al centro la voce cristallina di Sally Ellyson. La memoria dell’ascoltatore andava senz’altro ai Cowboy Junkies e a Jackson Browne, ma le radici di scrittura dei musicisti di Brooklyn risalivano indietro nella tradizione senza limiti cronologici, dipingendo quadretti dai colori tenui che avrebbero potuto risalire all’epoca dei battelli a vapore.

I tre album che sono seguiti al primo, fino a “Funnel Cloud” del 2006, non hanno eguagliato la perfetta commistione di eleganza e spontaneità degli esordi, ma hanno permesso agli Hem di sopravvivere grazie alla loro musica, infilando persino un paio di canzoni in altrettanti commercial televisivi. Da allora, per almeno sette anni, la band è entrata in un lungo periodo di stasi, interrotto soltanto dalla composizione delle musiche originali per una riduzione teatrale della “Dodicesima Notte” di Shakespeare.
“Departure And Farewell”, quinto album degli Hem, arriva però non tanto a colmare un vuoto o a promettere nuove reincarnazioni stilistiche, quanto a riannodare il filo di una carriera che sembrava destinata all’inaridimento e al dimenticatoio. A dimostrare, in definitiva, che Maurer e Messé scrivono ancora canzoni di grazia atemporale e che la loro maniacale perizia negli arrangiamenti non è per nulla sfiorita dopo tanti anni.

L’autunnale e tiepida malinconia del pezzo che dà il titolo all’album introduce un viaggio ideale nel passato del folk americano, trovando subito un dolce abbrivio in uno di quei garbati crescendo vocali e orchestrali a cui gli Hem ci hanno abituato fin dagli esordi. Struttura che i newyorkesi riservano alle loro composizioni più dilatate e panoramiche, come la sognante “Tourniquet”, la fluttuante “Gently Down The Stream” e soprattutto l’ampia, solenne e corale “Last Call”, dove l’approccio normalmente timido del songwriting dei Nostri palpita di un aperto romanticismo. L’immaginario lirico degli Hem, letterariamente intessuto di strade polverose di un’America che non c’è più, di bar davanti al mare e commessi viaggiatori, di ninne nanne da cantare ai propri bambini, trova però una dimensione più adeguata nei due minuti di piccole ballate come “Traveler’s Song” o “Seven Angels”, dove si può apprezzare in modo evidente come una nuda, semplicissima e cantilenante melodia da lied ottocentesco prenda vita nella voce della Ellyson e nei dettagli minuti di un intarsio strumentale capace di mettere insieme con sapiente e parsimonioso equilibrio strumenti canonici del folk come acustica, pedal steel guitar e fiddle, ad elementi sinfonici (arpa, archi, fiati, glockenspiel).

È molto probabile che “Departure And Farewell” non riuscirà ad elevare gli Hem dal loro semi-anonimato (troppo raffinati per la scena alt-country, troppo passatisti per il folk-pop di oggi), tuttavia è confortante che in un angolino di Brooklyn, dopo un decennio, ci sia ancora un pugno di ottimi musicisti che non si arrende alle mode e continua con intelligenza, modestia e talento sulla sua strada.

(26/04/2013)

  • Tracklist
  1. Departure And Farewell
  2. Walking Past The Graveyard, Not Breathing
  3. Things Are Not Perfect in Our Yard
  4. Seed
  5. The Jack Pine
  6. Tourniquet
  7. Seven Angels
  8. Gently Down The Stream
  9. Bird Song
  10. Traveler's Song
  11. The Tides At The Narrows
  12. Last Call
  13. So Long
Hem on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.